HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Le meteore

Andreas Andersson, il regalo di Capello al Milan

23.08.2006 11:30 di Germano D'Ambrosio   articolo letto 38697 volte
Andreas Andersson, il regalo di Capello al Milan

Lui voleva fare l'insegnante di educazione fisica, e da ragazzo amava i fumetti Manga e le puntate tv dei Simpson. Ora che Andreas Andersson si è ritirato dal calcio giocato, a soli 31 anni, devo ammettere che un po' ci manca. Problemi fisici a parte, fu forse colpa sua arrivare al Milan in uno dei periodi più sovraffollati di meteore, per il club rossonero? Certo, nel mucchio poteva ben mimetizzarsi. E non credo abbia avuto problemi di ambientamento...
Andreas Andersson nasce il 10 Aprile 1974 a Nacka, sobborgo di Stoccolma, e inizia a giocare a calcio nel piccolissimo club dell'Hova, quinta divisione svedese, là dove non arrivano né taccuini né telecamere. Dopo quattro anni di gavetta, nel 1994 si trasferisce al Tidaholms, seconda divisione, dove si consacra definitivamente. Qui nelle prime 9 partite mette a segno 6 reti: una media straordinaria per un semi-esordiente, e ai dirigenti del Degerfors - serie A, finalmente! - tanto basta per prenderlo dopo poche settimane dal suo trasferimento, andando a rinforzare una squadra appena eliminata dalla Coppa delle Coppe per mano del Parma, che poi perderà in finale con l'Arsenal. Insieme ad Andersson arriva anche Olof Mellberg. Il nostro Andreas gioca bene e segna a raffica: su di lui piomba il Liverpool, che lo invita per un provino di una settimana. La sorte vuole che in quei sette giorni sulla cittadina britannica si abbatta uno dei più forti nubifragi di sempre: la pioggia, con l'aggiunta di un infortunio, condiziona le sorti del provino, che dunque non va a buon fine. L'attaccante lascia ugualmente il Degerfors (in due anni, 40 partite giocate e 16 gol all'attivo) e nel 1996 trova l'accordo con il Göteborg. Contemporaneamente, anche la Nazionale svedese si accorge di lui: dopo aver già militato nell'Under 21, il 25 febbraio '96 Andersson fa coincidere il suo esordio con la vittoria per 2-0 contro l'Australia. Con il Göteborg le cose vanno a gonfie vele: la squadra ben figura in campionato e in Champions League, e alla fine della stagione il potente centravanti si ritroverà con un bottino di 31 reti in 39 partite, quasi un record. Ovviamente è sua la palma di capocannoniere del torneo, nonché il titolo di giocatore svedese dell'anno. La sua Nazionale fallisce la qualificazione agli Europei di Inghilterra, ma anche senza questa vetrina il nome di Andreas Andersson fa il giro del mondo e comincia ad entrare nelle cronache di mercato. Se lo aggiudica il Milan, per la cifra tutto sommato abbastanza modica - per quei tempi - di tre miliardi di lire. In realtà lui simpatizza per la Roma, ma fa poca differenza: è un pupillo di Fabio Capello, storicamente attratto dagli attaccanti possenti (qualche anno dopo si innamorerà del connazionale Ibrahimovic e di Diego Tristan). Si sa che anche i grandi allenatori possono avere qualche abbaglio...
Andersson si presenta a Milano il 13 Giugno 1997: sostiene le visite mediche, va a cena con Galliani, e poi riparte per la Svezia per godersi le meritate vacanze estive. Il 16 luglio, insieme ai compagni, si mette agli ordini di Fabio Capello; curiosamente, non viene presentato in maniera ufficiale alla stampa. Scontata la sua prima dichiarazione informale: "Felicissimo di giocare in Italia e nel Milan". Confessa poi di aver scelto i rossoneri anche per la presenza del suo amico Jesper Blomqvist, arrivato a gennaio proprio dal Göteborg; per chi non lo ricordasse, il biondo centrocampista svedese fu un'altra meteora di proporzioni colossali, passato successivamente per Parma e - udite udite! - Manchester United. Quando Andersson scopre che la società sta cercando di piazzare a tutti i costi sul mercato il suo amico e unico connazionale, ci rimane un po' male: non sa che il primo a lasciare il club rossonero sarà lui stesso. Il Milan è chiamato a riscattare una stagione, quella 96/97, davvero disastrosa: i meneghini erano arrivati a soli 6 punti dalla retrocessione, pagando scelte di mercato insensate come Cristophe Dugarry e Micheal Reiziger. Nell'estate '97 il primo acquisto è Patrick Kluivert, voluto da Capello per formare una coppia solida con George Weah; in attacco, oltre ad Andersson, c'è anche Maurizio Ganz, preso dall'Inter e partente come riserva. Gli altri reparti abbondano di meteore: solo in difesa Ziege, Nilsen, Cruz, Bogarde e Smoje. La stagione, manco a dirlo, inizia in maniera disastrosa: 2 punti nelle prime 4 partite. La prima vittoria arriva in trasferta contro l'Empoli, e curiosamente coincide con la prima segnatura di Andersson in rossonero: al minuto 23 della ripresa lo svedese gonfia la rete. Sarà questo l'unico gol ufficiale dell'attaccante nella sua breve esperienza italiana. In campionato non gioca quasi mai - Capello gli preferisce un non meno legnoso Kluivert - ma in compenso è titolare in Coppa Italia. Al debutto contro la Reggiana (sedicesimi di finale) è il peggiore in campo, contro la Sampdoria (ottavi) gioca i primi 45 minuti, che si concludono con il risultato di 2-0 per i blucerchiati: poi Weah gli dà il cambio, e il Milan vince 3-2. Fa in tempo poi a partecipare, anche se non nel tabellino marcatori, allo storico 5-0 rifilato all'Inter ai quarti di finale. Per ritrovare un altro gol di Andersson dobbiamo insomma andare a ricercare nelle amichevoli: qualche tifoso rossonero lo ricorderà tra i marcatori nell'8-0 al Ginosa di Puglia, all'Arena di Milano, il 24 ottobre. In quella occasione Galliani afferma: "Per il Milan è il momento peggiore degli ultimi 10 anni". Con buona pace di Carolina Morace, all'epoca opinionista tv su TMC e grande sostenitrice del giocatore, la società a gennaio mette Andersson sul mercato, e subito si scatena una bagarre a suon di miliardi tra Arsenal e Chelsea. Alla fine però se lo accaparra il Newcastle per circa 9 miliardi di lire: una buona plusvalenza, non c'è che dire. Il Milan all'ultimo momento prende al suo posto Pippo Maniero - non proprio un fenomeno, ma ha sempre fatto il suo dovere - e Braida, a chi gli chiede il perché di una coppia d'attacco (Ganz-Maniero) non proprio da Champions League, risponde nervoso: "Solo chi non conosce il calcio può porre la questione in questi termini. La verità è che ad inizio stagione la coppia Kluivert-Weah era considerata, da tutti, come eccellente. Chi poteva prevedere che non avrebbero reso secondo le aspettative?". Già, chi poteva prevedere...
Giunto al Newcastle in compagnia della fidanzata Lina Gustavsson, Andersson inizia a sparare a zero - com'è consuetudine - contro la sua ex squadra. Accusa Capello di essere una sorta di "generale di ferro", e di avere imposto allo spogliatoio una disciplina troppo rigida: inoltre gli rimprovera di non avergli mai concesso la possibilità di dimostrare davvero le sue capacità. Ma il passato è passato: il futuro al Newcastle invece sembra roseo, anche perché il feeling con mister Kenny Dalglish è subito molto buono. Il tecnico scozzese è convinto che lo svedese possa inserirsi con rapidità negli spazi creati dalla torre Shearer, osservato speciale dai difensori avversari. Il giocatore, da parte sua, spera di riuscire a riconquistarsi la convocazione in Nazionale: è infatti finito sul banco degli imputati dopo la mancata qualificazione a Francia '98, a scapito di Austria e Scozia. L'esordio in Premier League è datato 1 Febbraio 1998, 2-0 contro l'Aston Villa. Le grandi aspettative, tuttavia, vengono in parte tradite: Andersson in due anni segna solo 4 gol in 27 partite, e il Newcastle - dove milita pure Tomasson, ignaro di fare più o meno la stessa sorte del compagno d'attacco - arranca in classifica. Nella stagione 97/98 finisce tredicesimo, e stesso piazzamento anche l'anno successivo. Per Andersson si profila un ritorno a casa, precisamente all'AIK Stoccolma, club che nella stagione 1999/2000 milita anche in Champions League e viene inserito nello stesso girone della Fiorentina (gli svedesi arrivano ultimi con 1 solo punto all'attivo, conquistato proprio in casa contro i viola, e conquistano la palma di peggior squadra del torneo).
Andersson, pagato 2 milioni di sterline, snobbato dalla propria Nazionale - tanto che salterà l'appuntamento con gli Europei del 2000 - a gennaio tenta anche la carta Benfica (una sola rete all'attivo fino a giugno), dopodichè si arrende e ritorna a Stoccolma dove rimane per 3 anni, insieme all'amico Teddy Lucic. Ma il pur blasonato club in quel periodo non si porta a casa neanche un misero trofeo. Nell'estate del 2002 finalmente arriva la grande occasione: coach Soderberg gli concede una chance per i Mondiali di Corea e Giappone, competizione guadagnata anche grazie ad un gol di Andersson, nel match decisivo contro la Turchia durante le qualificazioni. Ma la Svezia, pur passando la fase a gironi alle spalle dell'Inghilterra, viene subito eliminata agli ottavi dalla matricola Senegal: il nostro Andreas, ormai impiegato come ala piuttosto che come punta, viene utilizzato sempre come sostituto in corsa e appare piuttosto evanescente. Si interrompe qui il suo rapporto con la Nazionale: non viene convocato per gli Europei del 2004 a causa dei postumi di un infortunio ai legamenti del ginocchio. In tale occasione il fisioterapista della Nazionale svedese, Anders Vallentin, afferma preoccupato: "E' difficile dire quando rientrerà, perché il danno è grave e vari calciatori hanno dovuto smettere per una situazione del genere". Contrariamente alle previsioni, Andersson si rimette invece in pista, e nonostante l'esclusione dalla competizione europea in estate si reca ugualmente in Portogallo. A sorpresa, infatti, trova l'accordo con il Belenenses, squadra di Lisbona, ma anche qui il feeling con la piazza non è dei migliori. Nel giugno 2005 tenta l'avventura con il Malmöe, ma dura solo un mese: il 1 agosto comunica alla stampa la sua intenzione di lasciare il calcio giocato, a causa dei ripetuti problemi fisici. Entrerà a far parte, dice, dello staff tecnico dell'AIK Stoccolma. Finirà nel dimenticatoio anche in patria, come vi è finito in Italia? Forse, ma gli appassionati di calcio svedese ricorderanno a vita la sua espressione sbigottita nel vedere un bagno chimico cadere su un'auto in cui credeva ci fosse qualcuno. Questo lo scherzo a cui fu sottoposto dallo staff della trasmissione televisiva "Bllasningen" (il nostro "Scherzi a parte"). Roba da morire dal ridere.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy