HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Le meteore

Bengtsson, "Trainspotting" a San Siro

28.01.2008 00:00 di Alessio Calfapietra   articolo letto 35194 volte
Bengtsson, "Trainspotting" a San Siro

"L'Internazionale comunica di aver definito l'acquisto dall'Orebro FK di Martin Bengtsson, svedese, classe 1986, nazionale under 18, centrocampista centrale con caratteristiche da regista, uno dei talenti emergenti del calcio dell'Europa del nord". Esattamente quattro anni fa, l'Inter magnificava l'ingaggio di un giovane che per giunta aveva strappato agli appetiti di altri importanti club europei. Capita molto di rado che una squadra definisca apertamente un proprio acquisto con termini così trionfalistici. Di solito vengono usate frasi asettiche: soggetto, verbo e complemento oggetto, accompagnati dai rituali sorrisi alle telecamere e qualche numero. Ma in casi eccezionali l'incontinenza verbale è ben accetta, del resto a Milano stava per arrivare un grandissimo prospetto che avrebbe arricchito la primavera di Bernazzani e ben presto la prima squadra. Martin sapeva bene a cosa andava incontro: "Ho visto tantissime gare di serie A in televisione. So quasi tutto del vostro calcio e, naturalmente, anche dell'Inter". Perfetto. Sapeva quasi tutto ed in più era un fenomeno. Un fenomeno anche di duttilità: "Sono un centrocampista centrale, ma posso giocare anche sul centro destra o sul centro sinistra". L'Inter non aveva sbagliato a predisporre incensi e peana, visto che il suo nuovo talento all'esordio contro l'Udinese "ha subito messo in evidenza una notevole tecnica di base e una buona visione di gioco". Da parte sua, il buon Martin dimostrava l'umiltà tipica dei campioni: "Il ruolo? A me va bene dappertutto". La prima gara al Viareggio, poi, si apre con un goal di Bengtsson che "dimostra ancora una volta il suo talento depositando in rete con il piatto destro una corta respinta della difesa su traversone basso di Eliakwu". Lo svedese propizia inoltre la rete del 3-0 con un azione da "applausi a scena aperta". Un trionfo: se la gara contro l'Udinese era terminata con cinque reti di scarto, quella contro il New York United addirittura con otto. Tutto grazie a Bengtsson, il marziano con la maglia nerazzurra che dai fiordi scandinavi aveva scrutato con attenzione l'intero panorama del calcio italiano, ma che iniziava a mostrare già da allora qualche limite fisico, perché dopo oltre un mese dal suo arrivo risultava costretto a giocare sempre qualche manciata di minuti, per un totale di cinque presenze in campionato ed un paio nella Coppa Carnevale. Anche se l'Inter primavera macina risultati e goal (119 al termine della stagione), i riferimenti a Bengtsson si fanno sempre più sfumati sino a scomparire del tutto. A dire il vero, è lo stesso Bengtsson a sparire dai tabellini per un paio di mesi, salvo ritrovarsi in campo, sempre per metà gara, nell'ultima partita del torneo regolamentare, vinta ovviamente 5-1. A spulciare meticolosamente gli archivi, Bengtsson viene nominato in data otto maggio unicamente in quanto "non al massimo" della forma fisica. Perché l'emulo di Gren, Nordahl e Liedholm è scomparso dalle statistiche? Bengtsson figura nella rosa della primavera dell'anno seguente, almeno sino al mese di settembre. E poi? Il raggio di luna che aveva illuminato il Duomo si spegne misteriosamente e nessuno ha la minima idea di dove sia finito. Fino a quando Bengtsson si rifà vivo nel 2007, ma non con una giocata nella sua nuova squadra, un lampo, un ruolino prorompente. Bensì con un libro, "Nell'ombra di San Siro", dove Martin racconta la sua esperienza da incubo nella città meneghina: droga, alcohol, sesso e un tentativo di suicidio tagliandosi le vene in doccia e susseguente ricovero in una clinica psichiatrica. Non potendo sentire la versione interista, prendiamo tali affermazioni con beneficio d'inventario e rispettiamo in ogni caso il dramma di un ragazzo che vuole avvertire i giovani colleghi dai rischi che possono correre. La reprimenda che Bengtsson indirizza al suo ex mondo è terribile: "Non voglio aver più nulla a che fare con il calcio, è un capitolo chiuso della mia vita: non lo guarderò mai più, neanche in tv". Infatti Martin è passato dai riflettori dei campi di calcio a quelli al neon degli studi televisivi: ora fa tutt'altro mestiere alla Titan Television e, ne siamo certi, sente la stessa nostalgia per il calcio di quella che proviamo noi per le sue doti con il pallone.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->