HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Le meteore

Binz, l'erede di Matthaeus

19.05.2008 00:01 di Germano D'Ambrosio   articolo letto 27020 volte
Binz, l'erede di Matthaeus

Nella foto pare un belloccio insegnante di educazione fisica. In realtà questo signore è Manfred Binz, ex difensore del Brescia: sapevate che anche grazie a lui il club lombardo fu promosso in serie A nella stagione 1996/97? Peccato che dopo il salto di categoria per lui si siano spalancate le porte del...baratro. Ecco com'è andata.

Manfred Binz nasce il 22 settembre 1965 a Francoforte sul Meno, ma il suo esordio da calciatore è datato 2 marzo 1985, quando per la prima volta scende in campo con la maglia dell'Eintracht nel match contro il Kaiserslautern. Parte titolare, il diciannovenne centrale, e i suoi vanno sotto di due gol già alla fine del primo tempo: al 59' mister Weise lo toglie dal campo. La sua carriera, tuttavia, non risentirà di questo episodio: Binz conquista a poco a poco sempre più spazio, e nella stagione 1986/87 diviene titolare pressoché inamovibile, togliendosi anche lo sfizio del gol (il 1 novembre contro il Waldhof Mannheim). Nella stagione successiva arriva pure il primo trofeo in bacheca, la Coppa di Germania, in un Eintracht che annovera tra gli altri Lajos Detari (fenomeno al Bologna ma meteora all'Ancona e al Genoa), Andreas Möller (che negli anni 90 farà le fortune della Juventus) e il polacco Wlodzimierz Smolarek (padre di Ebi, visto due estati fa ai Mondiali tedeschi). Binz diviene per tutti Manni der Libero, dal titolo di un telefilm celebre nella Germania di quegli anni, la storia di un giovane calciatore che sogna di diventare una star; nome, ruolo ed età del nostro Manfred rendono assimilabile la fiction con la realtà, nell'immaginario collettivo. E in effetti la sua procede come una favola moderna: all'Eintracht è ormai una bandiera, e a ridosso degli anni 90 rifiuta ripetutamente le avances di ricche e blasonate società. Neanche a dirlo, i tifosi lo venerano. Anche la Nazionale si accorge di lui e il ct Berti Vogts lo convoca per un'amichevole a fine agosto contro il Portogallo, quando per le strade di Germania si sta ancora festeggiando per il Mondiale appena vinto. Sostituisce niente meno che Lothar Matthäus al 53', con i suoi in vantaggio, ma dopo neanche cinque minuti Rui Arquas infila l'1-1. I più attenti sugli spalti comprendono che non è ancora tempo per il passaggio del testimone... Seguono altre otto apparizioni in Nazionale (una anche contro l'Italia, il 25 marzo 1992), condite da un gol contro l'Irlanda del Nord, fino ai nefasti campionati europei in Svezia. Qui il famoso passaggio del testimone si concretizza davvero, perché Binz parte titolare e con un'enorme responsabilità sulle spalle, ovvero sostuituire in campo e nei cuori dei tifosi proprio Matthäus. Molti, a ragione, si dicono scettici. Sarà pure per la tensione del confronto, fatto sta che Manfred infila una papera dietro l'altra: nel match contro l'Olanda, che sancisce l'eliminazione della Germania nella fase a gironi, Vogts è costretto addirittura a toglierlo nel secondo tempo, dopo un micidiale uno-due firmato Rijkaard-Witschge. Sarà quella l'ultima apparizione di Binz in Nazionale. Con l'Eintracht, tuttavia, le cose continuano ad andare per il verso giusto: il club dell'Assia sfiora più volte la vittoria del titolo, in quel periodo, e si qualifica puntualmente per la coppa Uefa. Tutto bene fino alla stagione 1993/94, quando arriva il tecnico Klaus Toppmöller: con Binz e con altri del gruppo non c'è affiatamento, e il club fallisce l'approdo in Europa imbroccando la classica annata storta. Il momentaccio sembra non passare neanche dopo ripetuti cambi di panchina; l'Eintracht è in crisi, e tale situazione perdura per qualche anno. Manfred non si perde d'animo: sa che le sue qualità non possono essere sprecate in un team anonimo, e decide di lasciare Francoforte dopo 12 anni di fedele militanza, circa 349 partite giocate e 26 gol all'attivo. Un bel coraggio, non c'è che dire.

Ad accogliere a braccia aperte il possente libero tedesco, nell'estate del 1996, c'è il Brescia di Luigi Corioni, che pochi mesi prima aveva rischiato addirittura la retrocessione in C1 dalla B a causa di una scellerata gestione targata Lucescu (sostituito poi in corsa con Reja). Binz non si fa problemi a calarsi nella realtà della serie cadetta, anche se la scelta di Brescia può lasciare perplessi: del resto i più esperti nell'analisi dei gemellaggi tra tifoserie sanno bene quanto sia forte il legame tra gli ultras dell'Eintracht e quelli dell'Atalanta, odiati nemici dei bresciani. Ma il buon Manfred, come si vedrà anche in seguito, non è uno che fa caso a queste cose. In ogni caso, l'ex Nazionale tedesco parte da titolare assoluto (e ci mancherebbe altro!) e disputa un'ottima stagione, culminata con la promozione in serie A dei lombardi seppure al termine di un campionato molto equilibrato e combattuto. Binz si riscopre anche discreto goleador: va a segno alla quinta giornata contro il Cesena (1-1), alla sesta di ritorno contro il Cosenza (2-0), e all'ultima di campionato nella festa-promozione contro il Venezia. Una gara memorabile, questa, per il teutonico, che con il suo gol al 44' del primo tempo riporta in vantaggio i suoi dopo il provvisorio pareggio di Ginestra, facendo tirare un bel sospiro di sollievo al Rigamonti (le marcature erano state aperte da un certo Andrea Pirlo!). Il Brescia dunque riconquista la massima serie, e Binz si ritrova ad essere - nonostante la non più giovanissima età - uno dei difensori "da tenere d'occhio" in vista della stagione 1997/1998. Qui, però, qualcosa si incrina. Giuseppe Materazzi sostituisce in panchina Edy Reja dopo una sola giornata di campionato, e il tedesco risente non poco del cambio, riuscendo a trovare pochissimo spazio con il nuovo tecnico. Come se non bastasse subentrano anche alcuni problemi familiari, e così l'avventura italiana di Manfred si spegne proprio quando sembrava che stesse per regalare evoluzioni interessanti. Del resto dalla Germania arriva un'offerta di fronte alla quale difficilmente si può dire di no: quella del Borussia Dortmund, allora Campione d'Europa uscente dopo la vittoria in finale di Champions contro la Juventus. Binz unisce dunque l'utile al dilettevole, e lascia l'Italia nel mese di gennaio del 1998, con il rammarico di non essersi mai potuto mettersi davvero alla prova sul palcoscenico della serie A. Se questo poi sia stato un bene o un male, non è dato saperlo.

Al Borussia Dortmund inizia la parabola discendente della carriera di Manfred Binz. Tornato con i migliori propositi in Bundesliga, il giocatore viene relegato ad un ruolo da comprimario, accumulando soltanto spezzoni di partita in un'annata non certo trascendentale per i gialloneri, che chiudono con un anonimo quarto posto. Di gol, poi, neanche a parlarne. Nella stagione 1999/2000 fa in tempo a disputare una sola partita, quella contro lo Stoccarda del 14 agosto (persa per 2-1), nella quale mette a segno anche un assist per il goal di Salou. Dopodiché viene ceduto in seconda divisione, al Kickers Offenbach, la seconda squadra di Francoforte. Non devono averla presa bene, di certo, i tifosi dell'Eintracht, i quali vedono approdare agli odiati rivali di sempre una delle loro bandiere storiche. Lo sgarbo però viene presto riparato: dopo tre anni con i Kickers - uno in seconda divisione, due nella Lega Regionale - il nostro Manfred si rifugia all'Eintracht nel gennaio 2003 per sparare le ultime cartucce della sua carriera. Tuttavia si tratta solo dell'Eintracht 2, la squadra amateure composta da dilettanti che milita nella Lega Regionale Sud. Il pomeriggio dell'8 giugno 2003 Manni del Libero lascia il campo da gioco per non farvi più ritorno, almeno con gli scarpini ai piedi. Finale commovente? Non proprio, perché Manfred riesce a combinare guai anche a gioco fermo. Nel 2004, infatti, ritorna ancora ai "rivali" del Kickers Offenbach, stavolta in qualità di co-allenatore, ruolo che ricopre tuttora. Ai suoi ordini c'è tale Marco Reich, attaccante: uno che doveva essere l'erede di Bierhoff nella Nazionale tedesca e invece si è ritrovato in serie B, a trent'anni, dopo aver segnato solo 9 gol in 100 partite tra Werder Brema, Derby County e Crystal Palace, dal 2002 ad oggi. Credevate forse che in Germania non esistessero le meteore?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510