HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Le meteore

Bismark, un cancelliere di ferro

05.05.2008 00:00 di Alessio Calfapietra   articolo letto 25400 volte
Bismark, un cancelliere di ferro

Ad Otto Von Bismarck fu chiesto di portare la Germania all'unificazione ed al ruolo di potenza europea. Il cancelliere di ferro, dal carattere indomito e volitivo, come noto, ci riuscì. Al suo omonimo (con una "c" in meno), proveniente da Accra, Ghana, fu chiesto molto più umilmente di partecipare alla resurrezione della Fiorentina precipitata in serie C2 dopo il fallimento. Berlino 1871-Firenze 2003, due Bismark affrontarono i relativi compiti con piglio deciso e sotto lo sguardo di un pubblico desideroso di riscatto e redenzione. Un elmo appuntito contro un labaro gigliato: la storia è ciclica e suole ripetersi, ma sotto diverse forme. E a quanto pare, diversi risultati. Se il parlamento prussiano forgiò il carattere e la personalità di Otto, i campi di allenamento e le maestranze tecniche della Pistoiese, affinarono le qualità di Ekye, ragazzetto di belle speranze piombato dall'Africa con in dote una enorme velocità da poter impiegare lungo l'out di sinistra. Nel gennaio 2003, Della Valle lo ingaggiò sulla scia dell'ottima reputazione formatasi nel campionato di serie D con la maglia dell'Aglianese, squadra della provincia di Pistoia, consegnando alla corazzata di Cavasin uno stantuffo mancino con cui aprire le difese avversarie. La Florentia (un nome che ancora oggi ha un forte potere evocativo) utilizzò il ragazzetto ventiduenne in una decina di partite senza infamia e senza lode, eccettuato lo storico goal del raddoppio contro il Rimini quando Bismark, subentrato a Guzzo a dieci minuti dal termine, trafisse Bizzarri con un bolide all'incrocio dei pali. Una rete valsa un pezzo di promozione, insieme al rigore procurato allo scadere del derby contro il Grosseto. Le trame della Figc poterono più dell'abilità politica del Bismarck originale, visto che l'anno seguente la Fiorentina, riacquisito il nome, si ritrovò magicamente in serie B: un doppio salto che, proiettato nella dimensione ottocentesca, sarebbe equivalso alla formazione dello stato tedesco ed all'immediata conquista dell'intero continente europeo. Nel torneo cadetto, Bismark imitò il suo collega al parlamento, e rimase per lo più seduto, in panchina o in tribuna, rintracciando il suo autentico profilo sportivo contro il Livorno, quando entrò a tempo scaduto in sostituzione di Massimiliano Scaglia. La gratitudine per le generose sgambate sui terreni polverosi della C2 terminò a gennaio, con il prestito al Ravenna, concesso senza tanti ripensamenti già alla fine di dicembre, ma il trasferimento da una città d'arte ad un'altra non portò nessun cambiamento alla stagione di Ekye, che da quel momento prese la piega della corazzata Bismark, nel momento in cui questa venne affondata durante la seconda guerra mondiale. Nell'estate seguente la Fiorentina lo dirottò agli svizzeri del Vaduz, grazie ai quali riuscì addirittura ad assaggiare i preliminari di Coppa Uefa, risoltisi con l'eliminazione ad opera del Beveren. Poi venne il turno della Fortis Juventus, dove Bismark avrebbe potuto centrare la seconda promozione della sua carriera, se problemi societari non avessero costretto il club a rinunciare al ripescaggio in serie C2, e che gli permise di identificarsi con buona parte della provincia toscana, un bel "giro delle sette chiese" da Pistoia, Agliana, Firenze e Borgo San Lorenzo. Da ottobre 2006 e sino allo svincolo della scorsa estate, Bismark giocò nell'Atletico Trivento, società dell'Eccellenza molisana dove venne considerato una vera star. Dalla serie B all'eccellenza: evidentemente Otto deve aver scoperto che Ekye ama farsi chiamare "Bibi" ed ha fatto annullare ogni immedesimazione tra i due personaggi. Altrimenti Bismarck sarebbe diventato amministratore di condominio piuttosto che primo ministro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510