HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Le meteore

Ibrahim Ba, il Beckham rossonero

18.11.2006 11:58 di Christian Seu   articolo letto 42477 volte
Ibrahim Ba, il Beckham rossonero

In Italia lo ricordiamo certamente più per la pettinatura biondo ossigenato che per le prodezze sul terreno di gioco. E, Francia a parte, anche in Inghilterra e Svezia, dove ha giocato, possono confermare.
Ibrahim Ba nasce a Dakar, in Senegal, il 12 gennaio del 1973, e ad appena quattro anni si trasferisce, con la famiglia, in Francia, acquisendone ben presto la cittadinanza. Scatto felino e fisico asciutto, Ibou, come è soprannominato, entra ben presto a far parte delle giovanili del Le Havre, squadra con la quale esordisce, ad appena 19 anni, nella Ligue 1 francese. Veste la maglia della squadra dell'Alta Normandia per cinque stagioni, collezionando 128 presenze e otto reti: un bottino di tutto rispetto per un centrocampista di fascia, il cui compito principale è quello di rifornire i compagni con cross e assist che arrivano copiosi dalla corsia destra. Nel 1996 passa al Bordeaux: la stagione nelle fila dei girondini sarà da incorniciare, con 35 presenze e sei reti firmate, che gli spalancano le porte della Nazionale di Aimè Jacquet. Alla prima presenza, nel gennaio 1997 contro il Portogallo, Ba mette a segno una stupenda rete a coronamento di un'azione personale: i francesi sembrano aver trovato un nuovo idolo. Il destino riserva ben altro al centrocampista senegalese.
La grande stagione con la maglia del Bordeaux gli vale la chiamata del Milan, che lo acquista a peso d'oro e lo affida alle cure di Fabio Capello, rientrato dall'esperienza al Real Madrid, nel periodo più nero della storia rossonera. Ba viene presentato come "nuovo Beckham", e veste la maglia numero 13, rigorosamente col soprannome Ibou stampato sulle spalle. Dopo un buon inizio, il centrocampista perde la bussola, assieme ai compagni che incappano nell'ennesima stagione tribolata, che si conclude con l'addio di Capello e l'esclusione dai rossoneri, per il secondo anno consecutivo, dalle coppe europee, che spingerà Adriano Galliani a chiedere l'istituzione di una wild card Uefa per permettere alle nobili decadute l'accesso alle competizioni continentali. La disastrosa annata, fa perdere a Ba il treno della Nazionale nell'anno del Mondiale: Jacquet lo inserisce nella lista per il pre-ritiro di Clairefontaine, depennandolo però dall'elenco definitivo dei 22 che si laureeranno campioni del Mondo nella finale di Parigi contro il Brasile. Al Milan intanto si cambia: a Milanello sbarca Alberto Zaccheroni, reduce dal brillante terzo posto conquistato alla guida dell'Udinese. Con l'arrivo del tecnico romagnolo gli spazi per il francese si riducono drasticamente: sulla corsia destra del 3-4-3 staziona stabilmente il pupillo dell'ex allenatore dei friulani, il danese Thomas Helveg, che lascia alla "pantera bionda" soltanto briciole in termine di presenze. La stagione si conclude col trionfo di Perugia, lo scudetto numero sedici e il ritorno in Champions League. Per Ba, la miseria di quindici apparizioni, quasi tutte da subentrato e una consapevolezza: è arrivata l'ora di cambiare aria. Le offerte latitano, l'ingaggio del giocatore è pesante e il Milan, pur di liberarsene, decide di cederlo in prestito: la spunta il Perugia di Luciano Gaucci, allenato da Carlo Mazzone che non vede esattamente di buon occhio l'acquisto del centrocampista franco-senegalese. Che entra, suo malgrado, nella storia del calcio italiano. In Perugia-Cagliari, Ba rifila una violenta testata al rossoblu Macellari, che non viene rilevata né dall'arbitro Collina né dai suoi assistenti, Buda e Albanese: il giudice sportivo Maurizio Laudi, ricorrendo per la prima volta in assoluto alla prova televisiva, infligge a Ba quattro giornate. Il Perugia non riscatta il giocatore, che lascia così al termine della stagione l'Umbria, consegnando agli annali un bottino non certo invidiabile: 16 presenze appena e una rete il bilancio finale. Torna al Milan, dove c'è ancora Zaccheroni, e trascorre la stagione 2000/2001 tra panchina e tribuna, ragranellando appena cinque caps. A Milano arriva Fatih Terim, che dura appena qualche giornata: il tecnico turco non intende puntare sul francese, che viene messo nella lista dei cedibili. Il Marsiglia, nobile decaduto, decide di dargli una chance nel 2001, ottenendone il prestito gratuito: dopo 9 presenze e 6 mesi di aria fritta, Ba viene frettolosamente rispedito al mittente nel febbraio successivo: Ancelotti, subentrato a Terim, gli fa assaggiare per due volte il campo. Ai margini della squadra anche nella stagione successiva, Ba viene definitivamente ceduto dal Milan nel 2003: il centrocampista passa al Bolton Wanderers, deciso più che mai a rilanciarsi a 30 anni.
In Premier League capisce che la sua carriera si avvia decisamente alla conclusione: 9 presenze, 0 reti, e Ba accetta l'offerta degli svedesi del Djurgarden: il tempo di capire che la Scandinavia non fa per lui e il nostro decide di lasciar perdere, dopo una sola partita in cui peraltro va pure a segno. Nulla da fare: a gennaio, rescinde il contratto e si concede sei mesi di riflessione, prima del provino (fallito) con gli inglesi del Derby County, serie B inglese.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->