HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Le meteore

Limbersky, il nuovo Nedved

31.03.2008 00:00 di Alessio Calfapietra   articolo letto 32249 volte
Limbersky, il nuovo Nedved

In Argentina lo sanno bene, visto che da almeno un quindicennio il primo diciottenne che non superi il metro e settanta d'altezza, abbia un minimo di abilità con i piedi e giochi da trequartista viene immediatamente accostato a Diego Armando Maradona. Prima Ortega, poi Aimar, Saviola e infine D'Alessandro: la maledizione sembra essersi però estinta grazie a Leo Messi che non è semplicemente un nuovo "nuovo Maradona", ma un talento su cui investire realmente. Anche la Repubblica Ceca deve affrontare un simile supplizio, perché appena emerge un calciatore che gioca sulla fascia e prova spesso il tiro, gli viene calato addosso l'appellativo di erede di Nedved. David Limbersky è l'incarnazione di tutto ciò: immediatamente accostato al Pavel bianconero, gli viene concesso un biglietto aereo per l'Italia ed un banco di prova da subito impegnativo come la serie A. Ad acquistarlo è il Genoa in compartecipazione con la Juventus, entrambe ingannate dalle reboanti apparizioni del ventenne biondo platino nella natìa Plzen e nella nazionale under 21. Il suo pedigree risulta di tale spessore che i liguri decidono di prestare Limbersky al Modena nel gennaio del 2004. Innanzi ad un palcoscenico così impegnativo, il giovane David si trova spaesato e fuori luogo come i cavoli a merenda, tanto da mettere le radici in panchina ad osservare i compagni che, passo dopo passo, si avvicinano sempre più al baratro della retrocessione. Balestri, Domizzi e Vignaroli antecedono Limbersky nelle scelte di Alberto Malesani (e in seguito di Bellotto), così che in sei mesi l'epigono di Nedved potrà sommare la miseria di 62 minuti giocati in quattro comparsate contro Perugia, Empoli, Lecce e Parma. Nessuno al "Braglia" ha intravisto gli assist promessi durante la conferenza stampa di presentazione. I canarini restituiscono volentieri Limbersky ai legittimi proprietari che, subodorato l'inganno, tentano di dirottarlo immediatamente all'Udinese ma senza successo, per fortuna dei bianconeri. Nedved non sa più quali carte spendere per il suo pupillo: l'esito del campo è stato penoso e forse sarebbe stato meglio non insistere più nel provare al mondo l'esistenza di un successore pronto a raccoglierne l'insegnamento e le gesta. Si narra che, nel chiuso di una stanza a Vinovo, Nedved abbia bruciato il testamento dove nominava Limbersky erede universale. "Nel pieno possesso delle mie facoltà mentali e calcistiche" l'incipit del documento, irrimediabilmente reso obsoleto dalle prodezze sul rettangolo verde del giovane diseredato. Nel gennaio 2005 spunta un personaggio con una fetta di prosciutto (culatello, magari), ancora più spessa di quella che occludeva la vista di Nedved, e cioè il direttore sportivo del Tottenham Frank Arnesen che presenta così' David immediatamente dopo il suo arrivo in Inghilterra: "E' già pronto per la prima squadra, tecnicamente molto buono, ha accumulato esperienza nel campionato italiano (ma quando?), è veloce nell'esecuzione, ha consapevolezza di sè, si tratta di un calciatore intelligente che sa disimpegnarsi in tutti i ruoli della mediana". Se lo dice lui! Martin Jol non condivide affatto le parole del suo diesse e così il cerchio della vita trova l'ineluttabile compimento, con David che a fine stagione torna mestamente al Viktoria Plzen, club che, occorre ricordarlo, ha dato i natali calcistici ad un certo Montezine. L'ultimo sussulto della sua carriera è un soffio di scirocco lo scorso luglio, quando lo Sparta Praga lo ingaggia per disputare almeno la Gambrinus Liga e la Champions League. Pare che da qualche anno Nedved voglia nascondere la presunta parentela con David, come le famiglie per bene cercano di occultare il legame con un parente degenere!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->