HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Le meteore

Micha Djorkaeff, buon sangue non mente

14.01.2008 00:00 di Alessio Calfapietra   articolo letto 37094 volte
Micha Djorkaeff, buon sangue non mente

"Natura non facit saltus". La natura non procede a balzi, secondo il motto antico tramandato nei secoli e proposto infine da Carlo Linneo nel 1700. Eppure il celebre scienziato dovrebbe ricredersi se gli capitasse sotto mano l'albero genealogico della famiglia Djorkaeff. All'apice c'è Jean, celebre calciatore della nazionale francese e di Paris Saint Germain e Marsiglia che ha all'attivo oltre 500 presenze nel campionato transalpino e la conduzione della nazionale armena. Dal frutto del suo amore è nato Youri, uno di quei rari casi nella storia dove il figlio d'arte è veramente valido e anzi più bravo del padre: un mondiale e un europeo vinti da protagonista, campionati ad altissimo livello nell'Inter e goal che ancora adesso rimangono nell'immaginario collettivo. Poi c'è Micha, nato nel 1974 presso il comune di Rueil-Malmaison e che ha scelto lo stesso mestiere del fratello, ma il cui habitat naturale non è il "Parco dei principi" o S.Siro, ma piuttosto il "Degli Ulivi" di Andria o il "Comunale" di Fiorenzuola. A guardare bene nemmeno questi impianti, espressione di un calcio infinitamente meno competitivo, si adattano alle doti di Micha che, sconsolato, prepara armi e bagagli per cercare fortuna altrove. Senza trovarla. Linneo è rimasto sbalordito e non sa spiegarsi come sia possibile che, dopo Jean e Youri, la natura che non dovrebbe procedere a balzi abbia generato Micha. Ed è ancora più incredibile come questi abbia perseverato nel dedicarsi ad un attività evidentemente a lui non consona. Ma andiamo per ordine. Nell'estate del 1997 Djorkaeff, uno degli elementi più rappresentativi dell'Inter, propone alla dirigenza nerazzurra di concedere un provino a Micha, ragazzo che nonostante i 23 anni di età, diversi dei quali spesi nella terza divisione francese tra Grenoble, Rouen ed Olympique Alès, mostra qualche (vacuo) margine di miglioramento. Richiesta accolta: Micha si aggrega alla tournèe asiatica con cui l'Inter chiude la stagione. A dispetto della qualità miserrima degli avversari (conventicole di Hong Kong) e del clima gioviale delle partite, Micha non incanta ed entra ogni volta a gara ampiamente iniziata trovando la gioia della rete contro il Sing Tao. I dirigenti al seguito comprendono subito che Micha non è soltanto una mezza punta, ma anche e soprattutto un mezzo giocatore, pur ricoprendo il medesimo ruolo di Youri, ma se ci pensate anche Mozart ed un bambino alla quinta lezione di piano suonano il pianoforte, bisogna vedere come! Svanito il sogno (illusione) di indossare la maglia nerazzurra, Micha effettua un provino a fine agosto con la Fidelis Andria che avrebbe affrontato il campionato di serie B. Niente da fare: i pugliesi ritengono di poter fare a meno della sua classe e si limitano ad offrirgli per qualche giorno le proprie strutture di allenamento. Quando Micha teme di rimanere disoccupato spunta la possibilità di andare al Fiorenzuola, arrembante formazione di C1 con alla guida Alberto Cavasin e in attacco niente meno che Luca Toni. Come indennizzo al club piacentino, l'Inter disputa un'amichevole nella seconda settimana di settembre. Nella terza serie italiana Micha si esprime da par suo, non scendendo mai in campo e finendo praticamente ogni volta in tribuna. Anche il Fiorenzuola, compreso il valore del giocatore, a fine stagione lascia partire Micha che prosegue così una parabola declinante che vede sfilare l'Etoile Carouge in Svizzera, l'Es Frejus in Francia, il Kaiserslautern amatori in Germania (è un vizio di famiglia, perché anche in questo caso segue il fratello), il Luton Town in Inghilterra e l'Uga Dècines ancora in Francia. L'ultima stagione troviamo Micha nei dilettanti del Monts d'Or, capolinea di una carriera iniziata nel proverbio "buon sangue non mente" e che invece ha dimostrato che il sangue, certe volte, è più falso di Giuda.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy