HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Le meteore

Pinilla, lo raccomanda Hugo Rubio

04.02.2008 00:00 di Alessio Calfapietra   articolo letto 24922 volte
Pinilla, lo raccomanda Hugo Rubio

Ricordate quel film della metà degli anni ottanta, "Mr. Crocodile Dundee"? Segnò il vertice della simpatia che riscuoteva l'Australia negli Stati Uniti e nel mondo. Solo che, riposto il cappellino da cacciatore e messo a pensione Paul Hogan, della terra dei Canguri non si parlò più. La stessa cosa avvenne per il calcio cileno ed in particolare per gli attaccanti cresciuti a Santiago e dintorni. La Lazio azzeccò l'acquisto di Marcelo Salas, l'Inter ancor prima si era trovata benissimo con Zamorano, allora perché non sfoderare un'altra punta di quelle parti? Mauricio Pinilla arrivò in Italia nel 2003, quando Salas iniziava a soffrire di pinguedine acuta e Zamorano aveva fatto ritorno in patria tra onori e riconoscimenti. Lo aveva ingaggiato l'Inter, rimasto stupito dagli esordi del diciottenne nelle fila dell'Universidad de Chile. I nerazzurri sborsarono quasi tre milioni di dollari, e per rinfrancarli Mauricio tenne questa precisazione inequivocabile: "Non vengo in Italia per giocare un anno e poi tornarmene in Cile. Al contrario, spero di poter restare qui dieci o dodici anni". Se Mauricio era bravo con il pallone, dimostrava minor dimestichezza con un altro tipo di sfera, quella di cristallo, perché la sua permanenza nella penisola durò appena sei mesi. Eppure Mauricio aveva lanciato un segnale preciso, presentandosi con il suo procuratore Hugo Rubio (lo stesso del fenomenale Tapia) che da giocatore aveva rischiato seriamente di delegittimare ogni rappresentanza cilena in serie A, per colpa di un'avventura bolognese degna delle cronache più infime. Ma l'ottimismo prevalse e Pinilla fu immediatamente prestato al Chievo Verona di Gigi Del Neri. La favola veronese vide dunque un intruso che sgomitava tra panchina e tribuna, perché in mezzo a gnomi e folletti Pinilla appariva piuttosto la strega cattiva o l'orco da redimere. Cinque infruttuose presenze che dirottarono il centravanti andino al Celta Vigo in Spagna, dove gli furono accreditati maggiori spazi: le presenze totali a fine anno arrivarono a sei. L'Inter allora provò per lui un campionato meno asfissiante come quello portoghese. In effetti Mauricio allo Sporting Lisbona partì in quarta realizzando diversi reti, ma decelerò ben presto applicando poi il freno a mano e le ganasce alle ruote. L'Inter allora si sbarazzò definitivamente di lui e lo stesso avrebbe voluto fare lo Sporting, che dovette prima far finta di aspettare i suoi progressi al Racing Santander e agli Heart of Midlothian, sino a trovare un insperato acquirente nel club scozzese che giunse addirittura a proporgli un contratto quadriennale tuttora in corso. Nemmeno tra le verdi lande Pinilla colse la propria dimensione, tanto da provare la carta estrema e disperante del prestito all'Universidad de Chile, la squadra di partenza, per corroborarsi e riacquistare la vena realizzativa forse mai appartenutagli. Se il cammino delle meteore è segnato dall'eterno ritorno, il tragitto di Mauricio è ancora peggiore. A dispetto dei buoni propositi di inizio stagione, quando aveva assicurato una valanga di reti, Mauricio ne mise a segno due, non una valanga ma semmai una palla di neve che viene lanciata per divertimento durante la settimana bianca. I giornali si soffermano spesso su Pinilla, ma purtroppo per lui a farlo non sono i quotidiani sportivi, quanto i rotocalchi rosa e i tabloid gossippari, che indugiano sovente sulle sue frequentazioni con modelle, le nottate in discoteca e qualche relazione eccellente con annesso vespaio di polemiche. Riprendendo il paragone cinematografico, l'esperienza di Pinilla in Europa si è dimostrata come i sequel del film su "Crocodile Dundee", mediocri a tal punto da indispettire anche il più benigno degli spettatori. A proposito Mauricio, se dovesse capitarti di leggere Tuttomercatoweb, oggi compi 24 anni, ne approfittiamo per augurarti buon compleanno, nella speranza che il prosieguo della tua carriera renda inopportuno questo pezzo che ti abbiamo appena dedicato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510