HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Le meteore

Sandy, la Samp e l'Indonesia

24.12.2007 00:01 di Alessio Calfapietra   articolo letto 21238 volte
Sandy, la Samp e l'Indonesia

Vi proponiamo un giochino: scrivete le prime tre cose che vi vengono in mente dopo aver pensato per qualche istante all'Indonesia. La prima sarà probabilmente il turismo; la bellezza da cartolina di isole come Bali e Giava è rinomata e non sta certo a noi ribadirla. La seconda forse è quel terribile Tsunami che ha spazzato via centinaia di migliaia di vite umane. E la terza? Qualcuno ha indicato un celebre film con Catherine Deneuve? Spiacenti, ma si chiama "Indocina". In ogni caso nessuno di voi ha associato il calcio a questo "esercizio mentale", perché il calcio ha poco o niente a che vedere con l'Indonesia. Rimane ancora un mistero infatti come Kurnia Sandy, ragazzone nato a Semarang il 24/8/1975, sia transitato per un anno nella Sampdoria e abbia giocato nella formazione primavera sino a scomparire nell'indifferenza generale. Il suo arrivo in Italia nell'estate del 1996 ha dell'insondabile, perché se l'Indonesia ha ben poco da offrire agli amanti del pallone (non si è mai qualificata ai mondiali dal dopoguerra ad oggi ed ha raccolto una miseria anche nelle competizioni asiatiche), meno che mai ha qualcosa da dare alla patria dei portieri. All'epoca, e non come oggi dove gli estremi difensori stranieri stanno diventando la regola e quelli italiani l'eccezione, proporre un indonesiano in porta era come importare tulipani in Olanda o portare le famigerate civette ad Atene. Kurnia Sandy rientra in un progetto di collaborazione triennale fra la Sampdoria e la federazione indonesiana: qualche dirigente blucerchiato dalla vista lunga e amante delle scommesse estreme vuole provare una soluzione esotica, del resto Ferron e Sereni vanno spronati dalla presenza minacciosa di un talento orientale pronto a rubargli il posto. Il dirigente in questione, per sovrammercato, prende anche l'attaccante Kurniawan Yulianto, nell'ottica di insidiare il ruolo da titolare di Mancini e Montella. Il duo di belle speranze ha però un riscontro tutto sommato negativo, e se Kurniawan dura molto poco, il collega ha almeno la soddisfazione di giocarsi le sue chanches nelle giovanili, anche se il classico tragitto da gambero incombe dietro l'angolo e Kurnia Sandy fa ritorno in patria già l'anno successivo. Finisce il suo sogno europeo, cullato con trepidazione e ardimento, ma non la carriera calcistica: alla resa dei conti Kurnia si rivela un portiere molto bravo, e diventa uno dei giocatori più quotati della Liga Djarum, titolare della nazionale (almeno per qualche tempo) e delle squadre più importanti del campionato, con tanto di trionfi anche nella coppa dei Campioni asiatica. E Kurniawan, se possibile, fa ancora meglio, divenendo una delle migliori punte che lo sport indonesiano abbia mai espresso nella storia. E anche Bima Sakti e Anang Ma'ruf, "desaparecidos" nel loro corso genovese, hanno costituito l'ossatura della rappresentativa locale. Se per Gumprecht avevamo usato il motto "Nemo propheta in patria", questa volta dobbiamo ribaltarne il significato, perché mai come in questo caso, Kurnia e compagni propagano il verbo nel cortile vicino casa. Se non fossero passati alla Sampdoria per un improbabile stage, li avremmo di certo menzionati con un altro motto latino, che qui traduciamo con un fin troppo chiaro "Beato chi ha un occhio nella terra dei ciechi". Kurnia Sandy si è da poco trasferito al Persik con rinnovate ambizioni, chissà se qualche volta gli capita di ricordare quei mesi trascorsi ad allenarsi alle dipendenze di Sven Goran Eriksson. Lo svedese di certo no...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->