HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Le meteore

Saralegui, il colpo di Moggi

29.09.2008 00:01 di Germano D'Ambrosio   articolo letto 39635 volte
Saralegui, il colpo di Moggi

Si può acquistare un brocco, già sapendo che di brocco di tratta? E' diabolico, ma sì, certo che si può fare. Diabolico come Lucianone Moggi, autore del trasferimento di Marcelo Saralegui al Torino nell'estate del '92. Una storia a metà tra il film dell'orrore ed il thriller giudiziario. La capigliatura del buon Marcelo, invece, è da censura.

Marcelo Saralegui Arregin nasce il 18 maggio 1971 nella capitale Montevideo. Nel 1984 entra a far parte delle giovanili del prestigioso Nacional, riuscendo ad approdare in prima squadra appena quattro anni dopo. Nella stagione 1989/90, al suo debutto in Primera Division, va in campo ben dieci volte. Quello tra Saralegui ed il Nacional sarà un connubio destinato a durare ancora tre stagioni, nelle quali tuttavia il club biancoazzurro riuscirà a piazzare pochi tornei in bacheca: a parte l'accoppiata Scudetto-Coppa Artigas del 1992, il resto cadrà tutto nelle mani dei rivali del Peñarol. Del resto, per il Nacional, è la più classica delle fasi di transizione: i fasti della squadra che nell'88 aveva vinto la Coppa Intercontinentale sono ormai un ricordo, le stelle di Guigou, O'Neill e Recoba ancora non hanno iniziato a splendere. Marcelo - che intanto si destreggia bene in Nazionale Under 21 - da parte sua non vede l'ora di calcare campi più prestigiosi, quelli europei per la precisione. Per fortuna il suo manager è uno di quelli davvero potenti in Uruguay: trattasi di Paco Casal, un santone per i direttori sportivi di tutto il mondo. Nel 1991 l'agente cerca di sistemare il centrocampista all'Atletico Madrid; il club spagnolo lo tiene in prova per qualche settimana, ma poi lo rispedisce al mittente. Nel gennaio del 1992 ci prova allora con il Cagliari, cui Casal ha già mandato Enzo Francescoli, José Herrera e Daniel Fonseca (quest'ultimo proveniente pure lui dal Nacional). Cellino all'inizio trova l'accordo con la società uruguaiana, ma poi non si fida e molla tutto: del resto Casal vuole per forza inserire nella trattativa l'altro centrocampista Marcelo Tejera, che però al presidente sardo inizialmente non piace, anche se il giocatore sbarcherà comunque al Sant'Elia nel mese di maggio. Alla fine si parlerà di rottura Cellino-Casal a causa di alcuni arretrati pretesi dall'agente per il trasferimento di Fonseca, ma si tratta soltanto di una versione di facciata. L'approdo di Saralegui in Italia, tuttavia, è soltanto rimandato di qualche mese. Durante l'estate, il direttore sportivo del Cagliari Carmine Longo parla del giocatore all'amico Luciano Moggi, dirigente del Torino: i due si conoscono bene, tanto che lo stesso Moggi cercherà di portare Longo come ds alla Roma, negli anni in cui Big Luciano sarà consigliere di mercato del presidente Sensi. Moggi prende dunque contatti con Casal e con il suo socio italiano Dario Canovi: nel giro di pochi giorni, Saralegui si trasferisce al Torino, esattamente 48 ore prima rispetto al limite imposto dalla Federazione per l'acquisto di giocatori stranieri. Il giocatore viene pagato 5 milioni di dollari (sette miliardi e mezzo di lire, all'epoca), e firma un contratto triennale da 600 milioni a stagione. La perplessità di molti, circa la validità dell'operazione, si trasformerà a poco a poco in preoccupazione. Fino a scoppiare in un riso amaro.

La foto posta in cima all'articolo è un feticcio imprescindibile per i tifosi del Torino: l'ha scattata un anonimo fotografo il 7 agosto del 1992, e ritrae il riccioluto Saralegui insieme al presidente granata Gianmauro Borsano. E' il giorno della presentazione dell'uruguaiano alla stampa, e per la tifoseria torinista sono ore decisamente convulse. Il centrocampista baffuto Martin Vasquez è stato appena ceduto, contro il volere della piazza, all'Olympique Marsiglia; qualche settimana prima era partito anche Gigi Lentini, in direzione Milan. In compenso, dal Genoa è arrivato il bomber Pato Aguilera - assistito dallo stesso Paco Casal - nonché Andrea Silenzi. Per rimpiazzare Vasquez, il tecnico Emiliano Mondonico prefigura l'arrivo di una "giovane promessa sudamericana". E' appunto il ventunenne Saralegui, di cui il Corriere della Sera scrive: "Si tratta di un giocatore già abbastanza conosciuto, nazionale nella 'Celeste', capace - dicono gli esperti di calcio sudamericano - di organizzare il gioco e di segnare, senza trascurare le mansioni difensive". Torniamo alla conferenza stampa: ci sono tutti i protagonisti dell'affare, da Moggi allo stesso Vasquez. Borsano parte in quarta: "E' un arrivo importante, è il segno che il Torino non smobilita e crede nei giovani. Marcelo è il nuovo fenomeno del calcio uruguaiano, un mediano difensivo con il vizio del gol, lo si può impiegare sia sulla destra che sulla sinistra. Già da tempo era nel taccuino del nostro Luciano Moggi. Me l'ha segnalato Aguilera, e se ha passato il giudizio di Moggi vuol dire che non abbiamo sbagliato. Si tratta di un vero investimento". Paco Casal non riesce a frenarsi: "E' la bandiera del calcio sudamericano". Moggi, che non vuole essere da meno, mette sul piatto il definitivo carico da undici: "E' il Tardelli del Sudamerica, il più promettente uruguaiano della nuova generazione". Buon per loro che il ragazzo non capisca una parola d'italiano, e non possa quindi schermirsi di fronte a tante esagerazioni. Per lui parlano le immagini (pochissime e sfocate) di una videocassetta che Moggi fa vedere ai giornalisti, i quali tuttavia non celano qualche perplessità. Eppure, si domandano, com'è possibile che proprio un tipo come Luciano Moggi possa aver preso una cantonata? La risposta giungerà, come vedremo, soltanto qualche tempo dopo. Intanto Saralegui si aggrega alla squadra, ma Mondonico non prende in considerazione seriamente la sua candidatura. L'uruguaiano gioca comunque in Coppa Italia contro il Monza, il 2 settembre, arrivando anche a cogliere una traversa. Si rivede in campo ad ottobre, sempre in coppa, stavolta contro il Bari: impiegato come trequartista gioca per gran parte del secondo tempo, regalando anche qualche buona giocata. In campionato debutta invece il 17 gennaio del '93, disputando gli ultimi due minuti finali contro la Fiorentina. Il 10 febbraio, in casa contro la Lazio, entra al 21' del secondo tempo con i granata in vantaggio per 3-0: dopo venti minuti i biancocelesti sono già pervenuti al 3-2 con Signori e Winter, sfiorando addirittura il pareggio in zona Cesarini. L'uruguaiano sembra trovarsi più a suo agio sul palcoscenico: in occasione di una manifestazione di beneficenza, che vede coinvolti i giocatori di Tori e Juve al Teatro di Piazza Massaua, intrattiene il pubblico con maestrìa in uno sketch comico insieme al bianconero Torricelli. Pochi minuti in campo per lui ad aprile contro il Foggia, poi più nulla. L'estate del 1993 è piuttosto stressante per Saralegui: viene convocato con l'Uruguay per la Copa America, ed è anche impegnato nelle qualificazioni ad Usa '94. Il Torino - che ne frattempo è passato da Borsano e Goveani, e ha silurato Moggi - decide comunque di tenerlo in rosa, anche se il centrocampista ormai non viene neanche più convocato per gli allenamenti. Si impone nuovamente all'attenzione di giornalisti e tifosi, ad ottobre, solo per motivi non strettamente calcistici. La procura di Torino, infatti, vuole capire come mai il Torino abbia speso ben 5 milioni di dollari per un brocco come lui, mentre per il campione Aguilera abbia sborsato soltanto 2 milioni. E' lo stesso Borsano, interrogato dai sostituti procuratori Giangiacomo Sardelli e Alberto Prunas, a spiegare come "l'operazione Saralegui, condotta insieme al signor Moggi, era indissolubilmente legata all'ingaggio di Aguilera dal Genoa". In pratica, si scopre che l'ingaggio dell'uruguaiano era stata in realtà un'operazione fittizia per coprire la seconda parte del prezzo di acquisto di Aguilera. Un vero e proprio gioco di prestigio, già utilizzato peraltro dalla coppia Moggi-Borsano per altre operazioni di mercato. La Procura di Torino chiede dunque il rinvio a giudizio per Borsano, Goveani, Moggi e Zamparini (quest'ultimo aveva fatto da "spalla" in un'altra operazione di natura simile), rei di aver falsificato fatturazioni e libri contabili. Il giudice Piera Caprioglio, con una sentenza del 20 giugno 1994, dichiarerà poi "non luogo a procedere perché il reato è estinto per intervenuta oblazione". Il ché, tradotto, significa che gli imputati hanno pagato una sorta di "multa anticipata"; il solo Moggi rimedierà, per l'accaduto, una squalifica di un mese dall'attività sportiva. Ma nel 1994, Saralegui non fa più parte del Torino già da molti mesi: il 18 gennaio 1993 è stato venduto nuovamente al Nacional di Montevideo. Della sua esperienza italiana i tifosi del Torino ricordano soprattutto il giorno in cui, disputando un semplice torello tra il primo ed il secondo tempo di un non meglio precisato derby con la Juve, si infortunò piuttosto gravemente. Non potrebbe esserci una fotografia migliore.

Neanche il tempo di varcare la porta di casa, e Marcelo Saralegui viene subito trasferito in Argentina: il Nacional infatti gira immediatamente il suo cartellino al Racing di Avellaneda. Qui il centrocampista disputa la migliore annata della sua carriera: 33 presenze e 5 gol. Nell'estate del 1995, dopo la Copa America, si trasferisce al Colon di Santa Fé, dove resta per quattro stagioni. L'aria d'Argentina - o forse la sopraggiunta maturità calcistica? - fa decisamente bene al giocatore, che diventa un vero e proprio idolo e contribuisce a regalare alla tifoseria uno dei periodi migliori della storia del club (secondo posto in classifica nel Torneo di Apertura '97, miglior risultato di sempre per il Colon). Nel 1999 passa all'Independiente di Avellaneda (con Gabriel Milito), e poi l'anno successivo torna al Racing (con suo fratello Diego): due stagioni non impeccabili per il centrocampista, che per ridare smalto alla sua carriera - e non perdere il posto conquistato in Nazionale - decide di tornare in Uruguay, e di nuovo al Nacional Montevideo. Qui a centrocampo vige il regno di Nelson Abeijon e Gustavo Varela, e dunque per il nostro Marcelo gli spazi sono angusti. Nel 2002 scende in seconda divisione per giocare con il Fenix Montevideo (dove c'è anche l'ex Deportivo La Coruna Fabian Estoyanoff); infine, nel 2004, il canto del cigno con la maglia dell'Uruguay Montevideo, piccolo club cittadino. E' proprio da questa squadra che, l'anno successivo, inizia la seconda parte di carriera di Marcelo: quella da allenatore. Due anni in seconda divisione con l'Uruguay Montevideo, appunto, e poi nell'agosto 2006 sulla panchina del Club Sportivo Cerrito, club che ha sede sempre nella Capitale (verrà esonerato a marzo). Attualmente è libero, in cerca di squadra. Ci fosse ancora Moggi, magari qualche panchina vuota riuscirebbe a trovargliela...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->