HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Le meteore

Winklaar, un Vieira al CuraÇao

07.04.2008 00:00 di Alessio Calfapietra   articolo letto 25499 volte
Winklaar, un Vieira al CuraÇao

Non tutte le ciambelle riescono con il buco. Pantaleo Corvino si fregia, e a ragione, di essere uno scopritore di talenti come pochi sulla piazza. Ma se dovessimo trovare uno scheletro nel suo armadio, questi avrebbe le fattezze caraibiche di Djuric Winklaar. I tifosi del Lecce nel corso dell'estate 2001 avevano gongolato davanti alle entusiastiche relazioni sulle qualità di questo centrocampista distintosi nell'Heerenveen. "E' l'erede di Vieira": così suonava il ritornello che aveva convinto il presidente Moroni a investire tre miliardi di lire, un esborso non indifferente per una piccola società che, fidando nella lungimiranza del suo diesse che aveva bruciato sul tempo Inter, Parma e Torino, contava di ammortizzare l'investimento nel lungo periodo grazie ad una cessione milionaria. A quell'epoca il Vieira originale si distingueva nelle fila dell'Arsenal, ed ogni sua giocata corrodeva ulteriormente i gomiti della dirigenza milanista che si era lasciata scappare un gioiello simile. Toccava dunque a Winklaar rilevarne il testimone in Italia. I salentini quella stagione avevano comprato altri quattro stranieri, tali Cimirotic dall'Olimpia Lubiana ed il francesino Philippe Billy, oltre ad un'oscura coppia uruguaiana, la punta Ernesto Javier Chevanton e Gullermo Giacomazzi, centrocampista dalla netta propensione offensiva. Inutile specificarvi che gli acquisti determinanti furono i primi tre, Winklaar, l'imberbe Billy e lo sloveno Cimirotic, appunto. Determinanti per la retrocessione. Winklaar proveniva dalla (apparentemente) inesauribile fucina di talenti delle colonie olandesi, le meravigliose Antille, "odorosa terra dal sole accarezzata", per dirla con Baudelaire, e che sembravano aver dato i natali ad una nuova stella del calcio. Le cose si rivelarono ben diverse: Winklaar non si espresse come in Olanda, anzi finì dritto nella formazione primavera. Dubitiamo che Alberto Cavasin prima e Delio Rossi poi abbiano mai seriamente pensato di affidare le chiavi del centrocampo a Winklaar, che non spostò mai lo zero dalla voce "presenze" nel suo tabellino. Rispuntano i corsi e ricorsi storici di vichiana memoria: dove può essere prestato un mediano di comprovata fama e, soprattutto, dalla molta spesa e poca resa? Al Sora, ovviamente. Anticipando l'illustre Mea Vitali di qualche stagione, Winklaar tentò di ergersi a diga del centrocampo almeno nel club frusinate, ma i flutti da arginare nella provincia laziale erano troppo corposi per lui. Il fiume dunque esondò e Winklaar dovette tornarsene a Lecce dove tutti ormai avevano capito che più che l'erede di Vieira, avevano davanti l'epigono di Hugo Vieira, il portoghese che divertì mezza tifoseria della Sampdoria con le sue improbabili performance. A Winklaar fu concessa un'altra chanche, la Spal, ma anche in Emilia Romagna Winklaar si ridusse a squallida riserva di serie C1. Fallita la prova d'appello, Corvino si era definitivamente convinto che Winklaar vestisse i panni di un Vieira al Curaçao che, oltre all'amena isola di origine di Djuric, stava ad indicare uno squisito liquore che viene utilizzato nei cocktail di ispirazione esotica. Chi aveva osato paragonare due dimensioni del calcio parallele ma che non si toccano, evidentemente, di Curaçao ne aveva assunto in abbondanza! Il prosieguo della carriera di Winklaar è grottesco: dopo le illusioni salentine arrivarono quelle della serie B olandese, per gentile concessione dell'AGOVV Apeldoorn, sino alla scoperta della vera cifra calcistica di Djuric grazie ai dilettanti del AFC Quick 1890. A 26 anni, Winklaar non fa più del calcio la sua principale occupazione (di questo possiamo essergli grati) e, di tanto in tanto, prende un aereo per giocare le qualificazioni ai mondiali con la sua nazionale. Nell'ultimo periodo le Antille Olandesi hanno affrontato il Nicaragua, con Winklaar in campo. I transcontinentali sono 163mi nel Ranking Fifa, dietro Swaziland, Maldive, Lesotho e Tahiti. La Francia invece è settima, ma sicuramente i 156 posti di differenza sono dovuti al contributo di Patrick Vieira. Di quello vero e della sua versione da spiaggia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Santiago Silva: fantasma al Chievo, disastro a Firenze 04.09 - Tutti hanno diritto a una seconda possibilità. A maggior ragione se la prima non ti viene di fatto concessa. Santiago Silva ne sa qualcosa. La Fiorentina pure. Ma prima dell'esperienza viola da dimenticare c'è da fare un bel passo indietro. Santiago Silva nasce nel 1980 a Montevideo,...

Le meteore

Dittgen, il centravanti che si infortunò facendo giardinaggio 02.08 - Prima dell'avvento di Maurizio Zamparini il Palermo degli anni '90 alternava le sue stagioni fra Serie B e C1. E quello che si avviava a iniziare la stagione 1997/98 era una squadra che, fresca di retrocessione, era favorita d'obbligo per riconquistare la serie cadetta. La sentenza...

Le meteore

Farina tipo 0... gol. Il fiasco del primo australiano in Serie A 01.07 - Dopo due brillanti salvezze nel massimo campionato, il Bari nell'estate 1991 prova a fare il salto di qualità. Il presidente Vincenzo Matarrese al funambolo Joao Paulo, già in rosa, decide di portare a casa due stranieri di prestigio: il primo, David Platt, è una delle sorprese di...

Le meteore

Vega, difensore e business man. Sei mesi per arricchire Cellino 01.06 - Ramon Vega non passerà certamente alla storia come miglior straniero del Cagliari, anzi. Arrivato insieme a Pascolo, al termine di Euro '96, Vega era uno degli esponenti del rilancio calcistico della Svizzera. Il cognome tradisce origini spagnole (paese nativo dei genitori) ma Ramon...

Le meteore

Pascolo, l'elettricista che non voleva giocare in Italia 01.05 - In 22 anni di presidenza, Massimo Cellino ha fatto del Cagliari un cliente fisso della Serie A, riuscendo anche a portare la squadra alle semifinali di Coppa Uefa. Non sono mancati i colpi a vuoto e nel 1996 c'è l'imbarazzo della scelta sugli errori di valutazione del numero uno rossoblù....

Le meteore

Silvestre e Camara, incompresi all'Inter esplosi a Manchester e Parigi 01.04 - Negli anni '90 il movimento giovanile del calcio francese era come quello attuale: florido, pieno di talenti che promettevano un futuro luminoso alla Nazionale. E la Serie A ci attingeva a piene mani. Della Francia campione del mondo del 1998 sette militavano nel nostro campionato...

Le meteore

Le minacce degli ultrà. E Ferrier non divenne il primo colored del Verona 01.03 - 18 presenze in due anni, due maglie indossate più una soltanto virtualmente. Maickel Ferrier non verrà certamente ricordato come uno degli stranieri che hanno fatto la storia del calcio italiano, ma suo malgrado ha fatto parlare molto di sé. E non per le qualità tecniche. Maickel...

Le meteore

Cellerino, dal duello di mercato Lazio-Livorno ai colpi proibiti in Cile 04.02 - Qualche anno fa è stato al centro di un curioso duello di mercato fra Lazio e Livorno: parliamo di Gaston Cellerino, sul finire della prima decade degli anni 2000 tra i centravanti emergenti del Sudamerica. Argentino classe 1986, vivaio del Boca Juniors, Cellerino trova fortuna prima...

Le meteore

Quando Franco Scoglio portò cinque tunisini sotto la Lanterna 04.01 - Quando Franco Scoglio nel marzo 2001 accorse al capezzale del Genoa, allora nei bassifondi della Serie B, rinunciò al sogno di partecipare ai Mondiali del 2002 con la Tunisia, della quale era commissario tecnico. In tre anni con la selezione nordafricana il Professore fece un ottimo...

Le meteore

Onyewu, l'unico uomo a tener testa a Ibrahimovic 01.12 - Non fosse stato per Zlatan Ibrahimovic, di Oguchi Onyewu in Italia difficilmente qualcuno avrebbe ancora memoria nonostante abbia vestito, o meglio, sia stato acquistato qualche anno fa niente meno che dal Milan. Il campo, in partite ufficiali, l'ha visto una volta sola in due...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->