Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Mancini: "Bravi Scamacca e Lucca a lasciare l'Italia, da noi a 18 anni sono ancora in Primavera"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 4 agosto 2022, 13:20Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Mancini: "Bravi Scamacca e Lucca a lasciare l'Italia, da noi a 18 anni sono ancora in Primavera"

Lunga e interessante intervista rilasciata al quotidiano 'Il Giornale' dal commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini.

Lunga e interessante intervista rilasciata al quotidiano 'Il Giornale' dal commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini. Il ct dell'Italia a lungo s'è soffermato sulla decisione di molti nostri giovani di emigrare all'estero per trovare spazio: "Spero abbiano possibilità di giocare. Così sarebbe positivo. Così si cresce. Gli italiani una volta restavano sempre qui, ora sono ancora pochi rispetto a quelli di altre nazioni".

Mancini poi entra nel dettaglio: "Scamacca aveva già fatto l’esperienza, è stato uno dei primi ad emigrare: in Olanda. In Premier può dare tanto, ma non sarà facile. L’importante è che giochi e migliori. Lucca all'Ajax ha una grande possibilità per migliorare tecnicamente. Non avrà pressione ma sarà in una squadra che deve vincere sempre. L’Ajax è come Real, Barcellona, Juve ed altre dove un pari è una sconfitta. Ma la scuola Ajax vale: da quelle parti sfornano giovani, poi li vendono e fanno i soldi. I nostri a 18 anni sono ancora in Primavera: all’estero giocherebbero tutti".

E poi Gnonto, ancora allo Zurigo: "Ha 18 anni, lì gioca di sicuro, ha vinto il campionato. Giocando cresce, poi meglio se troverà un livello più alto".