HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Nato Oggi...

Eusebio, la Pantera Nera che stupì il Benfica, il Portogallo, il mondo

25.01.2018 05:00 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 2199 volte
© foto di Federico De Luca

Per Eusebio il Portogallo decretò, tre anni fa, tre giorni di lutto Nazionale. Perché Eusebio Ferreira da Silva da Lourenço Marques non è stato soltanto un giocatore, una stella. Uno dei più grandi d'ogni tempo. Eusebio è stato simbolo dei tempi e icona di una storia, della storia di un paese. Il Portogallo era, negli anni '50, provincia del grande calcio e dalle sue cercava di attingere ragazzi per farli diventare calciatori. Prima di lui Matateu, Lucas Sebastiao da Fonseca, Diamante Negro che fu il primo giocatore europeo di colore a segnare all'Italia. Eusebio crebbe nel suo mito, lui che in Mozambico era 'Ninguem', nessuno. Aveva sette fratelli ma non un padre. Aveva Mafafala, il suo quartiere, il suo rione, dove meravigliare i suoi amici. Non aveva però le scarpette e per questo il Desportivo, la squadra vicina al Benfica, disse di no al provino, tanto che Ninguem iniziò la sua carriera col Lourenço Marques. I club portoghesi procacciavano affari a basso costo nelle proprie colonie come il Mozambico e lo Sporting Lisbona non si fece sfuggire l'occasione. Lì, con la maglia dei biancoverdi locali, sfidò il Sao Paulo dell'afrobrasiliano Josè Bauer che era molto vicino al Benfica. "Prendetelo, non ve ne pentirete", consigliò alle Aquile che nascosero il giocatore per qualche giorno finché lo Sporting non si rassegnò al suo tesseramento. Il resto, per la Pantera Nera, è gloria e storia. Di lui ha poetato Eduardo Galeano, dicendo che "fu un africano del Mozambico il miglior giocatore in tutta la storia del Portogallo. Gambe lunghe, braccia cadenti e sguardo triste". Pallone d'Oro del '65, ha segnato 733 gol in 745 partite. Ha vinto tre volte i cannonieri della Coppa Campioni, 11 titoli e 5 coppe Portoghesi e la storica Coppa Campioni del '62. Prima Scarpa d'Oro della storia, correva i 100 metri in meno di 11 secondi e ha legato tutta la sua vita ai colori e all'Aquila del Benfica. Eusebio è stato un'icona, un simbolo e una Bandiera. Del Portogallo e del calcio. Che, per piangerne la scomparsa, decretò tre giorni di lutto. Oggi sono passati 76 anni dalla nascita della Pantera Nera.

Sono nati oggi anche Xavi Hernandez, Giovanni Galeone, Georges Grun, David Ginola, Nuno Espirito Santo, Robinho, Marco Parolo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 18 ottobre JUVE-UNITED, INTRECCI DI MERCATO. NEL MIRINO POGBA, LUKAKU E MARTIAL. PIACE JAMES RODRIGUEZ, MA C'E' ANCHE IL NAPOLI. MILAN: HIGUAIN PARLA DELL'ADDIO ALLA JUVENTUS, SIRENE DALLA CINA PER KESSIE'. DERBY DI MILANO PER BARELLA, REBUS HANDANOVIC PER L'ESTATE. NAPOLI: CONCORRENZA DEL WEST...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy