HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Nato Oggi...

Giancarlo Antognoni, il ragazzo che giocava guardando le stelle. Di Firenze

01.04.2018 05:00 di Lorenzo Di Benedetto  Twitter:    articolo letto 10119 volte
© foto di Andrea Pasquinucci

Nato a Marsciano, un paesino della provincia perugina, Giancarlo Antognoni è considerato dai tifosi della Fiorentina una vera e propria bandiera. Forse l'unica mai passata sulle sponde dell'Arno. Perché 'il ragazzo che gioca guardando le stelle' passò l'intera carriera italiana a Firenze, prima di chiudere col calcio in Svizzera, al Losanna. E dire che tutti i top club dell'epoca avevano provato a strapparlo ai viola, senza fortuna: "Ogni volta che incontravo l'avvocato Agnelli mi ripeteva sempre la stessa cosa: caro Antognoni, avrei sempre voluto prenderla, ma lei s'è sempre rifiutato", confessò il Capitano viola a proposito del corteggiamento bianconero. Mica solo la Juve, però. Anche la Roma di Liedholm avrebbe fatto carte false per lui. "Nell'80 andai io a Roma dal presidente Viola. Invitò a cena me e mia moglie, mi avrebbe dato piazza di Spagna. Ma decisi di restare a Firenze" è l'ennesima testimonianza dell'amore per la sua Fiorentina. Nato e cresciuto col mito di Gianni Rivera, portò la Fiorentina ai vertici del campionato italiano sfiorando lo Scudetto delle polemiche poi vinto dalla Juventus, nell'81-'82. La sua carriera fu caratterizzata da alcuni gravi infortuni, come quello riportato nello scontro col portiere Silvano Martina o quello con Pellegrini della Sampdoria nell'84. Alla fine Antognoni restò a Firenze, da calciatore, per 15 anni e uno dei pochi rimpianti, almeno dal punto di vista dei tifosi, è quello di aver solo intravisto il Biondo giocare insieme a Roberto Baggio, sbarcato a Firenze nell'85. Dopo la chiusura della carriera da calciatore, ricoprì importanti ruoli all'interno della società gigliata. Col raffreddarsi dei rapporti con la famiglia Della Valle, Antognoni si è spostato di pochi chilometri andando a Coverciano per ricoprire un ruolo dirigenziale in Nazionale. Ma a fine 2016, per la gioia dei fiorentini, è tornato nella società viola. Per quanto riguarda l'esperienza in Nazionale, fu uno dei protagonisti della vittoria del Mondiale dell'82. In viola, Antognoni ha vinto una Coppa Italia e una Coppa di Lega Italo-Inglese. Nel 2010 è stato premiato con il Golden Foot. Oggi Giancarlo Antognoni compie 64 anni.
Sono nati oggi anche Arrigo Sacchi, Roberto Pruzzo, Cristiano Doni, Clarence Seedorf e Duvan Zapata.



TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Europa

Primo piano

Un talento al giorno, Jerdy Schouten: nuova stellina orange L'Olanda, da sempre, è una fucina di talenti. L'ultimo nome finito sui taccuini degli scout europei è quello di Jerdy Schouten, centrocampista classe '97 di proprietà dell'Excelsior. Cresciuto nelle giovanili dell'ADO Den Haag, ha fatto il suo esordio in Eredivisie nella stagione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->