VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Nato Oggi...

Pep Guardiola, il genio della panchina che ha ucciso la Premier League

18.01.2018 05:00 di Simone Bernabei  Twitter:    articolo letto 7138 volte
© foto di Insidefoto/Image Sport

"Voglio la Premier", aveva confessato un paio di anni fa Josep Guardiola, per tutti Pep. Catalano di Santpedor, Guardiola deve la sua fortuna, tanto da giocatore quanto da allenatore, al Barcellona. Nei blaugrana ha giocato per 17 anni giovanili comprese, prima di passare nel 2001 al Brescia. In Italia resterà meno di tre anni, dividendosi fra Rondinelle e Roma, prima di tirare gli ultimi calci fra Doha e Messico. L'anno successivo il ritiro, l'inizio di un'avventura ancora più sorprendente di quella da calciatore. Le giovanili del Barça, prima del passaggio in prima squadra nel 2008. E' il via al Guardiolismo, quel gioco tanto riconoscibile quanto spettacolare, se applicato al massimo della sua forma. Al Camp Nou ci è riuscito e ha segnato la storia, all'Allianz Arena solo in parte. Poi, come detto, la sfida col calcio inglese a cominciare da due estati fa e i primi problemi dopo un avvio scoppiettante fatto di 8 vittorie filate. La concorrenza Oltremanica è però spietata e il suo City ha faticato non poco a trovare il giusto equilibrio, tanto da non vincere alcun trofeo per la prima volta in carriera. Almeno fino a questa stagione, visto che di fatto a metà campionato ha già il titolo in tasca, con buona pace delle avversarie. Mourinho e Conte in primis. Il suo palmares è a dir poco sbalorditivo: da giocatore, 6 campionati spagnoli, 2 Coppe di Spagna, 4 Supercoppa, una Coppa dei Campioni, due Supercoppa UEFA, una Coppa delle Coppe e un oro Olimpico. Da allenatore, 3 campionati spagnoli, due Coppe di Spagna, tre Supercoppa di Spagna, tre Campionati tedeschi, due Coppe di Germania, due Champions League, tre Supercoppa UEFA e tre Mondiali per Club.
Oggi uno dei tecnici più rivoluzionari di sempre compie 47 anni. Sono nati oggi anche Ivan Zamorano, Salvatore Fresi, Bogdan Lobont, Riccardo Montolivo, Senad Lulic e Francesco Bardi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Una storia d'amore lunga ventidue anni Arsene Wenger lascia l'Arsenal dopo ventidue anni. Una notizia incredibile - soprattutto perché ieri, per sua stessa ammissione, non vedeva problemi nonostante lo stadio andasse progressivamente svuotandosi (pur con il tutto esaurito) - e la fine di una storia d'amore lunga, lunghissima....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.