Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Santiago Silva, il Tanque che non ha mostrato le sue esultanze con la Fiorentina

Santiago Silva, il Tanque che non ha mostrato le sue esultanze con la FiorentinaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
mercoledì 9 dicembre 2020, 05:00Nato Oggi...
di Lorenzo Di Benedetto

In Uruguay e Argentina ha segnato raffiche di gol ovunque. In Italia, nelle due esperienze con Chievo e Fiorentina, si hanno invece ricordi minimi. Santiago Silva, detto El Tanque, ha iniziato la propria carriera nel Central Espanol. Poi River Plate Montevideo e Defensor Sporting, prima del primo approdo in Italia. Col Chievo tuttavia non vedrà mai il campo e a fine stagione se ne tornerà in Sudamerica per riprendere da dove aveva lasciato. Corinthians, Nacional, ancora River di Montevideo, Energie Cottbus, Beira-Mar, Newell's, Central Espanol, Gimnasia, Velez, Banfield e quindi la Fiorentina, la grande occasione della carriera. I suoi gol convinsero Pantaleo Corvino, le sue esultanze strampalate i tifosi gigliati. Il campo però consegnò un verdetto a dir poco pessimo. 12 presenze e un gol, su rigore contro la Roma, prima di far ritorno in Argentina, questa volta al Boca Juniors. Poi Lanus, Arsenal Sarandì, di nuovo Banfield e Universidad Catolica. In carriera, nonostante la militanza nelle più importanti squadre sudamericane, non ha vinto molto: un campionato argentino, un campionato uruguayano e una Copa Sudamericana. Oggi El Tanque compie 39 anni.

Sono nati oggi anche Gheorghe Popescu, Bixente Lizarazu, Djalminha, Adam Szalai e Kwadwo Asamoah.