HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Nato Oggi...

Sebastien Frey, idolo di Firenze: con il rimpianto legato alla Nazionale

18.03.2017 05:00 di Lorenzo Di Benedetto  Twitter:    articolo letto 13788 volte
© foto di Federico De Luca

Sebastien Frey, il terzo giocatore straniero di sempre per presenze in Serie A. Nato calcisticamente al Cannes, nel 1998 fu l'Inter a portarlo in Italia, ad appena 18 anni. Dopo una stagione in prestito al Verona tornò in nerazzurro, ma nel 2001 passò al Parma dove diventò uno dei migliori portieri del campionato italiano. Restò in Emilia per quattro stagioni, disputando un totale di 159 partite. Con l'arrivo di Cesare Prandelli sulla panchina della Fiorentina il francese scelse di seguirlo a Firenze, dove divenne ben presto un vero e proprio idolo della curva Fiesole che nel corso degli anni gli ha dedicato vari cori. In viola si è tolto le sue più grandi soddisfazioni, pur non vincendo nessun trofeo, ma grazie alla Fiorentina riuscì a giocare per due stagioni consecutive in Champions League, arrivando anche agli ottavi nel 2010. Nel 2007/2008 contribuì in prima persona allo splendido percorso dei viola in Coppa UEFA, dove soltanto il Glasgow Rangers impedì alla formazione gigliata di approdare in finale. Sulle rive dell'Arno ha disputato 218 gare prima di lasciare per iniziare una nuova avventura al Genoa. Oggi Frey compie 36 anni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Resto del Mondo

Primo piano

Inter formato Diavoli Rossi: il Ninja, retroscena Dembele e i gioielli blindati Un’Inter formato diavolo rosso. Un apparente controsenso che identifica di fatto le evoluzioni di mercato in salsa nerazzurra, vista la forte influenza belga che la squadra di Spalletti potrebbe assumere nel prossimo futuro. In primo piano c’è inevitabilmente Radja Nainggolan, con...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy