HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Probabili formazioni

Le probabili formazioni di Udinese-Inter - B.Valero al posto di Vecino

05.05.2018 06:09 di Antonino Sergi   articolo letto 5896 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Salvezza e Champions League, due traguardi in ballo nel lunch match di domenica alla Dacia Arena tra i padroni di casa dell'Udinese e l'Inter. I bianconeri alla prima di Igor Tudor sulla panchina friulana hanno steccato uscendo con un punto dal Vigorito contro il già retrocesso Benevento. Il discorso salvezza si complica anche se Lasagna e compagni rimangono a più tre sul Chievo penultimo. Urgono risultati positivi quando mancano tre sole partite al termine del campionato ed un avversario come l'Inter arriva forse nel momento peggiore viste le tredici partite consecutive senza successo. Per il momento in cambio in panchina non ha sortito gli effetti desiderati almeno all'esordio, la rete di Sagna infatti ha stabilito la parità sul 3-3 dopo l'uno-due micidiale del solito Lasagna. Dalle reti dell'ex Carpi passano gran parte delle speranze salvezza. Di contro un Inter che deve lasciarsi alle spalle la sconfitta in rimonta e le polemiche post-Juventus, una sconfitta che pesa non soltanto per la modalità con la quale è arrivata ma soprattutto per la classifica. La formazione di Luciano Spalletti, grande ex della sfida, si ritrova a ben quattro punti di distanza dal quarto posto che significa Champions League, il vero obiettivo stagionale. Difficile pensare ai nerazzurri ancora per un anno lontani dalla massima competizione europea ma servono assolutamente tre vittorie e qualche passo falso delle dirette concorrenti.

COME ARRIVA L'UDINESE - Un solo indisponibile per Igor Tudor, l'ex tecnico del Galatasaray infatti non avrà a disposizione il solo Angella per infortunio. Rientra Jakub Jankto che con molta probabilità costringerà alla panchina Fofana, Behrami davanti alla difesa e l'altro interno che sarà Barak. A destra confermato lo svizzero Widmer mentre sulla corsia opposta spazio per Pezzella anche se resta in corsa per una maglia l'iracheno Adnan. In avanti per fare da spalla a Kevin Lasagna il duello è tutto argentino, favorito l'ex Valencia Rodrigo De Paul su Maxi Lopez.

COME ARRIVA L'INTER - La sconfitta contro la Juventus ha lasciato anche due strascichi dal punto di vista delle squalifiche, per la trasferta di Udine infatti non ci saranno D'Ambrosio e Vecino. Il primo dovrebbe essere sostituito dal contestatissimo Santon con Dalbert destinato ancora una volta alla panchina mentre il centrocampista ex Fiorentina lascerà spazio allo spagnolo Borja Valero in coppia con Brozovic. Vera emergenza a centrocampo con Rafinha che agirà sulla linea a tre di trequarti con Perisic e Candreva, quest'ultimo infatti si gioca il posto con il giovane Karamoh. In avanti come sempre il bomber nerazzurro Mauro Icardi.

LE PROBABILI FORMAZIONI

UDINESE (3-5-2): Bizzarri; Stryger-Larsen, Danilo, Samir; Widmer, Barak, Behrami, Jankto, Pezzella; De Paul, Lasagna. A disposizione: Scuffet, Borsellini, Zampano, Nuytinck, Adnan, Ingelsson, Balic, Fofana, Pontisso, Hallfredsson, Perica. Allenatore: Igor Tudor.

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Cancelo, Skriniar, Miranda, Santon; Brozovic, Borja Valero; Candreva, Rafinha, Perisic; Icardi. A disposizione: Berni, Padelli, Lisandro Lopez, Dalbert, Ranocchia, Karamoh, Eder, Pinamonti. Allenatore: Luciano Spalletti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Assist, gol e polemiche. Nel derby di Simeone c'è un po' di tutto "Simeone è tornato", aveva candidamente ammesso nelle scorse ore, in conferenza stampa, il tecnico della Fiorentina Stefano Pioli. Che aveva usato la dialettica pubblica per spronare e motivare ulteriormente il suo centravanti titolare, tornato al gol contro il Sassuolo dopo un digiuno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->