HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Rassegna stampa

La Stampa - Knezevic, Cairo furioso: "Deposito il contratto"

30.06.2008 09:14 di Gianluigi Longari   articolo letto 15146 volte

IL PRESIDENTE GRANATA ALL'ATTACCO
Cairo su Knezevic: "Un giocatore non si può cedere due volte"
«Spinelli aveva un accordo con me, lo depositerò in Lega. Poi vedremo»

Bruciato nella notte, Urbano Cairo è furioso. Knezevic ha trovato l'accordo con la Juve, e questo si sapeva, ma quello che ha fatto saltare il banco è stata l'improvvisa intesa tra la società bianconera e il Livorno. In un ristorante torinese, il contratto firmato due giorni fa da Spinelli e il presidente del Torino è diventato carta straccia; l'accordo da un milione e mezzo di euro con cui la società granata aveva acquistato la metà del difensore croato un pugno nello stomaco di Cairo che invano ha cercato di mettersi in contatto col direttore generale del Livorno Signorelli, ambasciatore di Spinelli al tavolo bianconero. «Non si può vendere un giocatore due volte. Se fosse così domani mattina - oggi - mando tutto in Lega e vediamo che cosa succede. Ancora ieri, a tarda sera ho sentito Spinelli, ho capito che tirava un'aria strana ma lui, seppur con qualche discorso fumoso, mi aveva rassicurato». Per portare Kzenevic al Toro Cairo doveva ancora affrontare il discorso con il giocatore, «ma l'accordo con Spinelli risale a sabato, mica a un mese fa. Che ci fosse la concorrenza della Juve era noto, che bisogno c'era allora di firmare quel documento con me?». E poi, ancora: «Se io vendo la stessa casa due volte, qualcuno potrebbe anche denunciarmi per truffa. Non credo si possa fare».

Il Toro era convinto di avere in mano Knezevic, ma si è capito subito che acquistare il croato del Livorno sarebbe stato per Urbano Cairo più complicato che portare a casa un centravanti da 15 gol. Perché se c'era un giocatore intorno a cui incagliarsi, ecco, questi non doveva essere Knezevic. Centrale, mancino: era lui il primo obiettivo voluto da De Biasi per la difesa. Acquistarlo, sembrava facile visti anche i rapporti amicali tra Spinelli e Cairo.

E invece. La trattativa, abbozzata dal presidente prima ancora dell'arrivo del nuovo ds Pederzoli, era decollata quando Cairo e Spinelli avevano messo le rispettive firme sotto l'atto di cessione, ma perchè il contratto fosse valido serviva un terzo autografo: quello del giocatore. Finito invece su un altro foglio, intestato alla Juventus Football Club.

Un milione e mezzo per la metà del difensore croato è stata l'offerta, (accettata da Spinelli) di Cairo; un prestito semplice sembrava la prima opzione scelta dalla Juventus. Snobbata da Spinelli, aveva comunque indispettito Cairo: «Ma come, mi avete attaccato perchè ero quello che faceva il mercato coi prestiti e adesso che cosa mi tocca vedere? Che io porto i soldi e che una società come la Juve, dalle enormi capacità economiche, invece vuole un giocatore senza tirare fuori un euro. Quantomeno mi viene da sorridere...».

Far di Knezevic lo snodo del mercato è come trasformare un palloncino in una mongolfiera, ma è chiaro che a questo punto nell'affare siano entrati anche i cromosomi di una sfida cittadina. Nonostante l'apparente distacco di Cairo («è una normale trattativa di mercato, quasi mi spiace che dall'altra parte ci sia la Juve». Appunto, quasi), sul croato, peraltro tutto da verificare in campo, il Toro si è giocato la prima apertura di credito sul mercato. «Di Spinelli mi fido» è stato lo scudo sotto il quale Cairo pensava di potersi riparare. Tanto che, ancora ieri, mattina il presidente del Livorno aveva tranquilizzato Cairo con un paio di telefonate: «Non permetterò a Kzenevic di sostenere le visite mediche per la Juventus». Rassicurato da Spinelli (fino a prova contraria, puntualmemte verficatasi) Cairo aveva deciso di schiacciare l'acceleratore sulla trattativa e definito l'offerta da sottoporre al croato: seicentomila euro per tre anni o cinquecentomila per quattro, ecco le due opzioni.

Ieri sera la svolta. «Knezevic giocherà in una delle prime quattro squadre del campionato» aveva detto Spinelli a Secco. Prima di cedere a Cairo la metà del difensore, vietare le visite mediche, fare marcia indietro e consegnare il difensore croato alla Juventus. Signori, il mercato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie B

Primo piano

...con Bonato “L’Inter ha avuto un inizio difficile, poi ha trovato la quadratura. Il terzo posto è abbastanza consolidato, rimane l’amarezza dell’eliminazione dalla Champions”. Cosi a TuttoMercatoWeb l’ex direttore generale del Sassuolo, Nereo Bonato. Per il Sassuolo una partenza importante,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->