HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Scanner di Giulio Dini

TMW RADIO - Dini: "Fuga dei giovani? Il trend è cambiato"

Pubblichiamo un estratto dei temi affrontati dall’avv. Giulio Dini nel corso della trasmissione SCANNER in onda su TMW Radio.
11.02.2017 08:26 di Giulio Dini   articolo letto 21083 volte
Fonte: SCANNER OGNI MARTEDÌ DALLE 17:30 ALLE 18 SU TMWRADIO.COM

Il calcio giovanile italiano ha temuto di essere terra di conquista delle ricche società estere, principalmente inglesi, che, nei primi anni duemila, hanno messo sotto contratto alcune promesse. Ricorderete senza dubbio Giuseppe Rossi, Lupoli, Dalla Bona.
Non si è mai trattato di un vero e proprio “rapimento” poiché allora – come adesso – la società di destinazione doveva versare al club dove aveva militato il ragazzo dai 12 anni in poi, un indennizzo, stabilito secondo parametri diffusi dalla FIFA a seconda della categoria di appartenenza della società di destinazione, per ogni stagione precedente quella di stipula del primo contratto professionistico.
Il presupposto perché si potesse ottenere le prestazioni del giovane calciatore – ora come allora – era la mancanza di un contratto professionistico. Si muovevano, quindi, giovani rispetto ai quali il club aveva ritenuto non indispensabile sottoscrivere un contratto.
La disciplina permette, infatti, ai club professionistici di mantenere un vincolo dai 14 anni alla fine della stagione sportiva in cui il giovane compie i 19 anni quando, unilateralmente, la società può mettere sotto contratto di addestramento il c.d. giovane di serie fino ad un massimo di tre anni dietro il riconoscimento di un compenso che, per la serie A, è di poco superiore ai mille euro netti mensili.
I club, quindi, preferivano il più delle volte aspettare e vedere effettivamente cosa avrebbe mostrato sul campo il giovane calciatore contro il rischio di perderlo dietro pagamento dell’indennizzo FIFA.
E’ pure il caso di Macheda, strappato alla Lazio di Lotito dal Manchester United, che, dopo un esordio assai promettente, si è perso un po’ per strada e recentemente si è vincolato al Novara in Serie B.
Non era, infatti, la certezza di una carriera da calciatore a spingere fuori dai confini ma piuttosto la possibilità di godere di un contratto da professionista.
I vincoli stabiliti dalla FIFA per il trasferimento degli under 18 sono molto stretti, comunque.
E’ necessario che sia la famiglia a trasferirsi per motivi indipendenti dal calcio, spesso per lavoro. In ambito UE, tra i 16 ed i 18 anni, i ragazzi possono anche trasferirsi a condizione che nel club di destinazione sia assicurata una formazione scolastica adeguata (tale da assicurare un futuro a prescindere dal calcio) ed una sistemazione abitativa consona (pensiamo ai celebri convitti).
Su ogni trasferimento, infatti, vigila una sottocommissione FIFA che istruisce la pratica e rilascia il nulla osta al rilascio del certificato di tesseramento internazionale, indispensabile ai calciatori per essere tesserati.
Le società che dovessero essere riconosciute colpevoli di aver violato il regolamento, vengono sottoposte a severe sanzioni: pensiamo al Barcellona, che si è visto inibire due sessioni di mercato.
Su scala mondiale il fenomeno di trasferimento all’estero è ancora molto rilevante. Nel 2016, nel mondo, si sono spostati 600 ragazzi di cui 200 tra i cinque principali campionati europei. Sono principalmente belgi, olandesi, svedesi, sloveni, brasiliani, francesi a muoversi e l’Inghilterra è ancora la destinazione preferita.
L’Italia non esporta più, anzi. E’ tra le principali importatrici di giovani promesse dall’estero.
Oggi, infatti, nei settori giovanili si tende a mettere sotto contratto più ragazzi. Si tratta di importi relativamente modesti che eliminano il rischio di perdere il calciatore e permettono di seguirlo con maggior calma. Questo è il motivo per cui gli italiani ora rimangono nel proprio Paese.
Si diventa “professionisti” rapidamente, con i 16 anni. Da qui ad avere una carriera da calciatore professionista, però, ce ne corre.

Oltre il calcio giocato, oltre il calcio parlato, oltre la semplice apparenza: #Scanner, il calcio come non l'avete mai conosciuto. Con Giulio Dini e Lorenzo Marucci su #TMWRadio

Pubblicato da Tuttomercatoweb.com su Martedì 7 febbraio 2017



TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie B

Primo piano

TOP News Ore 20 - L'Inter e la concorrenza per Barella. Milan su Bolt? Le voci dei protagonisti, le esclusive di mercato e tanto altro su TMW: di seguito le notizie più importanti della sera. TMW NEWS - Finalmente Italia. Inter-Milan, la settimana del derby - Leggi la news, CLICCA QUI! TMW - Inter, nel mirino c'è Barella. Prezzo alto, due big...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy