HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Scanner di Giulio Dini

TMW RADIO - Scanner: Dalla A alla B, che cos'è e a cosa serve il paracadute"

02.06.2017 07:47 di Giulio Dini   articolo letto 15466 volte
TMW RADIO - Scanner: Dalla A alla B, che cos'è e a cosa serve il paracadute"

Nel programma di TMW Radio, Scanner dello scorso giovedì si è affrontato l'argomento del "paracadute", riservato alle società che dalla Serie A retrocedono in B.

Cosa è il paracadute per la retrocessione dalla A alla B
“Partiamo con un dato, gli introiti dei diritti TV della Serie A, sono prossimi al miliardo di euro, nella scorsa stagione sono stati 970 milioni di euro circa e per la prossima annata si conta di arrivare al miliardo e 200 milioni di euro grazie ai nuovi mercati. Gli introiti della Serie B non arrivano a 65 milioni di euro, capite bene che la sproporzione è gigantesca e capite il dramma di una società che dalla Serie A si ritrovi in Serie B, con il carico degli impegni finanziari che si erano assunti per competere nella massima categoria. Per questo è stato creato questo istituto denominato “paracadute” che consente alle società che retrocedono di attenuare il colpo. Si portano dietro contratti pesanti di calciatori, vincoli che vanno da due o tre anni. Si tratta di un contributo piuttosto rilevante perché si parla di 60 milioni di euro complessivi. Si deve fare tantissima dietrologia per arrivare a dire che al Palermo conveniva tenere in Serie A l'Empoli...perché questo paracadute di 60 milioni viene diviso secondo determinati criteri: la società che ha più anzianità in Serie A, in questo caso il Palermo, che è nella massima serie da almeno tre anni, ha un paracadute di 25 milioni, quella che ne ha due di anni di anzianità lo ha da 15 milioni e quella che ne ha uno solo prende 10 milioni. Il Frosinone e il Carpi della scorsa stagione hanno preso 10 milioni di paracadute. L'eventuale avanzo viene dato poi al club che una volta retrocesso non riesca a risalire nella stagione successiva in Serie A. Per quest'ultimo motivo riguardo a quel che si diceva sul Palermo, si doveva sostenere che avesse interesse a tenere l'Empoli in Serie A, sul presupposto che se questa fosse retrocessa l'anno dopo, avrebbe rischiato di perdersi il residuo, ma questa è una follia. Non c'è paragone tra gli introiti per la promozione, quindi sostenere che ci possano essere dei calcoli su un'ipotetica concorrente, di quello che accadrebbe nella prossima stagione è una follia. Il Palermo è una società strutturata per rifarsi una Serie B ad alto livello e risalire subito, ed è conveniente per il Palermo puntare alla Serie A”.

“Ritengo che per le società di Serie A la retrocessione è una tragedia In Serie B e c'è chi è contrario al paracadute, perché permette soltanto a tre squadre di avere risorse che rispetto agli altri concorrenti sono talmente superiori da creare uno squilibrio. Chi fa questo tipo di critica comprensibile, sostenendo che chi scende di categoria con il Paracadute parte avvantaggiato, fa parte anche di quella frangia che vorrebbero che i diritti televisivi venissero distribuiti in maniera più equa e diversa”.

“Perché in Lega si parla di paracadute? Perché è un elemento che sta particolarmente a cuore, a quelle 14 “piccole” capitanate da una grande che è la Lazio. E' un motivo di grandissimo attrito tra le società, visto che le piccole vorrebbero che venisse ampliato e si passasse da 60 a 80 milioni di euro. Attraverso la distribuzione dei diritti tv si può avere un campionato più competitivo ed avere squadre più competitive in ambito europeo”.

“La Lega di B è stata governata in maniera congrua, il problema è l'appeal del campionato che non può essere paragonato a quello di A e nonostante sia separato, ha bisogno del supporto economico dei proventi dei diritti televisivi che provengono dalla prima categoria. Il campionato di B senza il supporto della A non è ipotizzabile al momento”.

⚡️ Che cos'è e a cosa serve il paracadute? Tutte le polemiche sull'ultima giornata di Campionato.
⚽️ #Scanner con Giulio Dini e Lorenzo Marucci in diretta su #TMWRadio 📻 ⚽️

Pubblicato da Tuttomercatoweb.com su Giovedì 25 maggio 2017


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

Inter-Milan in numeri: il pazzesco equilibrio nella storia del derby 69 a 64. Con uno scarto bassissimo, dunque, se consideriamo pure i 64 pareggi nella storia tra Inter e Milan. Dal 1909 a oggi, 109 anni di scontri tra le due formazioni milanesi, la bilancia pende dalla parte dei nerazzurri soprattutto per quanto riguarda le gare in Serie A. In quanto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy