HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2019/2020?
  Liverpool
  Paris Saint-Germain
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Tottenham
  Manchester City
  Juventus
  Atletico Madrid
  Napoli
  Borussia Dortmund
  Barcellona
  Inter
  Chelsea
  Ajax

La Giovane Italia
Serie A

Acerbi e la Lazio, storia di chi è spesso sottovalutato

11.09.2019 09:00 di Riccardo Caponetti   articolo letto 4422 volte
Fonte: Dall'inviato a Roma
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

In tanti avranno sgranato gli occhi domenica sera, vedendo giocare quel numero 3 con la maglia azzurra nel match contro la Finlandia. Sempre sicuro e ben posizionato, Acerbi non ha fatto rimpiangere Chiellini e né tantomeno Romagnoli. “È un esempio - ha raccontato ieri al CorSport il disse Tare - e un leone, non molla mai. Non avevo mai visto uno così”. Un po’ contratto all’inizio - normale per uno all’esordio in una gara ufficiale con la Nazionale - si è sciolto subito, al primo intervento. Poi in tranquillità fino al fischio finale. È stato promosso a pieni voti il difensore, chiamato in extremis da Mancini proprio per il forfait del centrale della Juventus. Nessuno gli dava il giusto credito, invece ha smentito tutti, proprio come ha fatto nella Lazio. Scelto da Inzaghi per sostituire De Vrij, ha trasformato lo scetticismo iniziale in applausi convinti. Ma perché viene sottovalutato così tanto? Capire il motivo è difficile, forse perché non ce n'è uno preciso. Sarà che la sua carriera è stata ricca di alti e bassi o solamente perché ha 31 anni quando oggi ‘vanno di moda’ gli Under 20. Oppure perché è poco appariscente e alla moda, così di conseguenza non viene sponsorizzato tanto mediaticamente: non che ad ‘Ace’ alla fine importi più di tanto.

Adesso tutti si sono accorti di lui. Ha attirato le luci della ribalta, calamitandosele proprio come ha fatto la Lazio di Inzaghi. Perché anche la creatura plasmata dal tecnico piacentino è sempre partita dietro nelle famose griglie di inizio campionato, salvo poi lottare fino alla fine per obiettivi di vertice. “Si parla sempre poco di noi, ma sono sicuro che arriveremo a giocarci i posti che contano. Partiamo un po' dietro per tutti, ma nella testa mia so che possiamo fare molto bene”, aveva sottoscritto l'allenatore biancoceleste prima del 3-0 alla Sampdoria e dell’1-1 contro la Roma. È lo stesso copione che si ripete da tre anni ormai, nonostante i risultati raggiunti parlino chiaro: 5° posto e finale di Coppa Italia nel 2016-17, Supercoppa italiana, 4° posto a pari punti con l’Inter (diventato poi 5° per differenza reti) e semifinale di Coppa Italia nel 2017-18 mentre l’anno scorso la squadra ha vinto il trofeo nazionale posizionandosi all’8a piazza in campionato. Alla luce di ciò, oltre che alla qualità del calcio espresso, diventa complicato capirne le ragioni. Ad alcuni non piace partire a fari spenti, ad altri invece sì. “Avrei preferito vincere con un solo gol di scarto, così avremmo meno occhi addosso”, era stato il pensiero di Immobile dopo la vittoria di Marassi all’esordio stagionale. Ora è impossibile nascondersi. Le aspettative si sono alzate di pari passo con le pressioni, sempre molto alte nella Capitale. Le luci ormai si sono accese: per la Lazio e per Acerbi. La visuale luminosa e le prospettive sono talmente belle che adesso a nessuno va più di spegnerle.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

LIVE TMW - Atletico-Juventus, niente Bernardeschi. Gioca Cuadrado 20.40 - Si conclude qui il live di avvicinamento alla partita. Leggi QUI il live della gara! 19.59, le formazioni ufficiali -Alle ore 21 scendono in campo Atletico Madrid e Juventus nella prima giornata di Champions League. Per Sarri solamente un cambio rispetto all'undici che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510