HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Serie A

Altri due mesi di luna di miele. Tranne per Immobile

27.03.2019 11:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 15264 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Dovevano essere due vittorie, convincenti. E due vittorie sono state. L'Italia chiude le prime pratiche della propria corsa verso l'Euro2020 battendo la Finlandia e il Liechtenstein, otto gol fatti e zero subiti. Se quella contro gli uomini di Kolvidsson era praticamente scontata, perché il margine è davvero troppo ampio fra una Nazione di 60 milioni di persone e l'altra di 30 mila, non è banale invece quella contro gli scandinavi. Squadra coriacea, con qualche individualità qui e là, un buon sistema di gioco e la bravura nel non gettare mai via il pallone. L'1-0 di Barella è stato salvifico, altrimenti non sarebbe stato così semplice chiudere la pratica. La Finlandia potrebbe non essere solo sparring partner nella corsa agli Europei.

L'altra ottima notizia è che Grecia e Bosnia abbiano pareggiato nella propria sfida. Poi che Pjanic rischia due giornate - con conseguente assenza a Torino per la sfida con l'Italia - causa rosso diretto. Infine che, grazie all'incastro dei risultati, l'Italia sia già prima nel suo girone, da sola. Ci voleva proprio per una Nazionale che, un anno fa, perdeva con l'Argentina bis a Manchester e poi pareggiava a Wembley contro l'Inghilterra, senza un commissario tecnico - Di Biagio prestato all'under21 - e senza il progetto iniziato da Mancini, in particolare dopo la gara contro l'Ucraina. Se l'è meritata, l'allenatore, la luna di miele con gli italiani. Nelle ultime 6 gare solo un gol subito, contro l'Ucraina. Altro dato importante per capire che, oltre allo spettacolo, c'è una certa bravura nel difendere la porta, recuperando alto il pallone.

E allora eccoci all'8 di giugno, quando si giocherà Grecia-Italia, ad Atene. Fino ad allora saranno solo parole dolci, con un possibile stage congiunto con l'Under21 in mezzo. Tranne per Ciro Immobile, comunque sul banco degli imputati dopo la Finlandia. Prestazione opaca, riscattata poi con l'assist del 2-0 a Kean. Un po' poco, perché manca ancora un centravanti di livello assoluto. Per Mancini il primo nome è chiaro: Mario Balotelli. Protetto però da convocazioni fuori tempo massimo, come quella appena trascorsa: altri due mesi buoni con l'Olympique Marsiglia e tornerà in Nazionale, dalla porta principale. Sembra quasi stucchevole parlare di lui dopo anni da eterno incompiuto. Ma è quello che passa il convento, dove Quagliarella da vecchietto firma la propria doppietta (prendendo gli applausi di tutti) e i tempi del dualismo Vieri-Inzaghi sembrano lontani anni luce. Forse anche quelli Gilardino-Toni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

FOCUS TMW - Classifiche a confronto: Dea a +11, -10 Samp! Juve e Napoli: -2 Classifiche a confronto dopo otto giornate di Serie A. Rispetto alla passata stagione, le prime due dell'ultimo campionato Juventus e Napoli hanno due punti i meno. Situazione opposta per le due squadre milanesi: il Milan ha cinque punti in meno, l'Inter cinque punti in più. Nonostante...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510