HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Serie A

Così Hierro a TMW 15 giorni fa: "Doblete, che ricordi. Vogliamo ripeterci"

13.06.2018 14:36 di Giacomo Iacobellis  Twitter:    articolo letto 18672 volte
© foto di Adrián Blanco/Bernabéu Digital

Dopo il clamoroso esonero di Lopetegui, toccherà al finora ds della RFEF (Real Federación Española de Fútbol) Fernando Hierro assumere l'incarico di ct della Spagna al Mondiale. TuttoMercatoWeb.com lo aveva intervistato in esclusiva alla vigilia della finale di Champions League, poi vinta dal "suo" Real Madrid, e a pochi giorni dall'inizio dell'avventura in Russia della Roja.

Hierro, qualche escluso di lusso e tante interessanti novità: Lopetegui lunedì scorso ha diramato la lista dei convocati della Spagna per Russia 2018.
"Non è stato facile convocare solo 23 giocatori, in tanti hanno fatto bene quest'anno e le scelte di Lopetegui di conseguenza sono state molto ponderate. Siamo più che soddisfatti di questo gruppo in vista del Mondiale. Abbiamo fatto un cammino importante alle qualificazioni, non era scontato chiudere al primo posto. Adesso però viene il bello".

Le sensazioni quali sono?
"C'è ovviamente grande entusiasmo, non vediamo l'ora di scendere in campo. È un motivo d'orgoglio per noi essere arrivati fin qui, ma in queste settimane dobbiamo prepararci al meglio per farci trovare pronti fin dal big match d'esordio col Portogallo".

Certezze come De Gea, Ramos, Iniesta e Diego Costa, giovani di belle speranze come Saul e Asensio o sorprese come Rodrigo. Qual è il vero punto di forza di questa Roja?
"Il gruppo. Non voglio essere banale, se non faccio il nome di un singolo è proprio perché questa Spagna è un'autentica squadra. Vedo un gruppo molto equilibrato e affiatato, con tanti buoni giocatori. Rispetto al passato o ad altre Nazionali, non abbiamo quel campione che spicchi in modo particolare sugli altri. Ma questo può essere un fattore positivo: non dipendiamo da nessuno e tutti per noi possono essere importanti".

La forza della "nuova" Spagna è stata evidente tanto nel cammino delle qualificazioni quanto nelle ultime amichevoli (6-1 all'Argentina). Vi sentite favoriti per la vittoria della Coppa del Mondo?
"Noi vogliamo arrivare il più lontano possibile, ma sono sempre stato dell'idea che il ruolo di favorito te lo devi conquistare sul campo. Un Mondiale è sempre difficilissimo, avremo tanti avversari di grande livello e dovremo affrontarli tutti con massimo rispetto".

Non c'è una concorrente più temuta delle altre?
"I pronostici e le statistiche non ti fanno vincere le partite, per questo non mi piace parlare di favoriti o meno favoriti. In Russia ci saranno tante Nazionali di qualità, con storia e nomi blasonati, e il fatto che tante altrettanto valide siano rimaste fuori ti fa capire bene il livello di difficoltà di questo Mondiale".

Tra le grandi escluse c'è anche l'Italia, vostra avversaria alle qualificazioni. Che effetto le fa un Mondiale senza gli azzurri?
"È strano. Sono però dell'idea che tutte le squadre, Nazionali comprese, facciano un determinato percorso. L'eliminazione dell'Italia ha sorpreso tutti, ma in questo tipo di competizione non c'è mai niente di scritto. Ho grande stima per gli azzurri e sono convinto che questa sarà solo l'occasione per ripartire e ricostruire qualcosa di nuovo. L'Italia tornerà più forte di prima, così come l'Olanda".

Seppur non così drasticamente, anche la Spagna dopo Euro 2016 è dovuta ripartire con l'avvicendamento in panchina tra Del Bosque e Lopetegui. Due epoche della Roja che lei ha vissuto in prima persona.
"La mia prima esperienza da direttore sportivo della Federazione è stata tra il 2007 e il 2011, è vero. Ho avuto la fortuna di vivere da protagonista lo storico Doblete Europeo-Mondiale del 2008-2010 e mi restano bellissimi ricordi. Ora che sono tornato a ricoprire questo prestigioso ruolo (da novembre 2017, ndr), dopo l'avventura da dg al Malaga e quelle in panchina al Real Madrid e al Real Oviedo, le responsabilità non possono quindi che essere importanti. Abbiamo l'obbligo di fare bene e provare a ripeterci anche in Russia, c'è un clima di grande ilusión".

Clicca nel link in calce per rileggere l'intervista completa di TMW a Hierro


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

LIVE TMW - Piatek: "Un sogno giocare qui, ero fan del Milan" Finisce qui la conferenza Sul sogno: "Vorrei giocare in Champions". Su Gattuso: "Voglio allenarmi duramente, non è un problema cambiare allenatore". Sul primo contatto con il Milan: "Il calcio è così, presumevo che dopo aver segnato 13 gol altri club si sarebbero interessati...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510