HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Eriksen è il giocatore che serve all'Inter per lottare per lo Scudetto?
  Sì, ha l'esperienza ad alto livello che manca a Conte
  No, la Juve rimane troppo distante dalla squadra di Conte
  No, servirebbe un giocatore come Vidal per aiutare Conte

La Giovane Italia
Serie A

Da Genk al Genk, capitan Insigne sempre più ai margini di questo Napoli

10.12.2019 21:14 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 3528 volte
Fonte: Dal nostro inviato al San Paolo
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Capitano senza campo. Titolare in Nazionale ma non in un Napoli che in questa prima parte di stagione l'ha spesso e volentieri sacrificato sull'altare di un modulo poco congeniale alle sue caratteristiche.
Il motivo dell'esclusione di Lorenzo Insigne dall'undici titolare è questo, ma non può essere solo questo. Perché escludere il capitano non è mai scelta banale né scontata. In teoria, il numero 24 dovrebbe essere il perno attorno al quale far ruotare la squadra. Il leader. In pratica, Insigne in questo Napoli è giocatore senza ruolo né certezze.
All'andata, alla Luminus Arena, fu spedito addirittura in tribuna. Una scelta non solo tecnica nei confronti di un giocatore che, per mister Ancelotti, in quel momento non si stava dedicando anima e corpo alla causa partenopea. Un messaggio al capitano per mandare un messaggio a tutta la squadra: allora fu interpretato così. Stasera invece è partito dalla panchina per scelta tecnica, per proporre al San Paolo un centrocampo più difensivo e compatto.
Da Genk al Genk, cambia lo stadio ma non cambiano le scelte attorno al capitano. Nel mezzo, un ammutinamento che l'ha visto grande protagonista e che ha rappresentato l'ennesima crepa di un rapporto destinato a esaurirsi la prossima estate.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

RBN, Gene Gnocchi: "Kulusevski? La Juve forse gli ha fatto male" Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘2 in Bianconero’, è intervenuto il comico Gene Gnocchi: “Io tifo per il calcio, mi piacciono i giocatori capaci. Mi piace perché l’ho giocato e so cosa vuol dire. A chi mi paragonerei della Juventus? Platini e Zidane erano i miei idoli....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510