Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Dal Pino: "Non stiamo chiedendo soldi al Governo. Non banalizziamo il calcio, è nel nostro DNA"

Dal Pino: "Non stiamo chiedendo soldi al Governo. Non banalizziamo il calcio, è nel nostro DNA"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport
lunedì 16 novembre 2020 17:23Serie A
di Pietro Lazzerini

Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A, ha parlato nel corso della trasmissione "La Politica nel Pallone" su Gr Parlamento:

In caso di nuovo lockdown la Serie A continuerà?
"Certamente sì, non vedo motivo per interromperlo".

L'assemblea di mercoledì sarà decisiva per l'ingresso dei fondi nel calcio italiano?
"Io penso che il frutto sia maturo, Sono passati diversi mesi di lavoro intensissimo e negli ultimi giorni il comitato ha portato avanti un grande lavoro. Mercoledì è una giornata chiave. E' una cosa splendida il fatto che la Lega possa avere un partner per un settore che è allo stremo".

Cosa chiede il mondo del calcio al Governo?
"Noi dobbiamo fare il nostro, trasformandola Serie A in una media company e prendere in mano il nostro futuro. Serve un lavoro in casa per ridare un indirizzo strategico alla Lega. Contemporaneamente io ho detto che abbiamo perso circa 600 milioni di euro quest'anno, dovuto alle misure restrittive. Abbiamo chiesto, come tutti gli altri settori, che ci siano misure di ristoro. Paghiamo oltre un miliardo di contributi all'anno e la nostra richiesta è quella di differire i termini di pagamento. Non abbiamo chiesto soldi alle casse dello Stato. Abbiamo chiesto un'altra cosa importante per noi ovvero la reintroduzione per i prossimi 24 mesi del Betting. L'eliminazione di questo elemento di sponsorizzazione, che esiste in giro per tutta Europa, ha portato via un sacco di milioni di sponsor".

Cosa si aspetta dal Governo?
"Noi abbiamo scritto al Governo in più di un'occasione e non ho mai ricevuto una risposta scritta, e vale anche per Gravina. Vedo che in Inghilterra Johnson si è impegnato in prima persona per alcuni temi della Premier, ma anche la Merkel lo ha fatto in Germania. Il calcio non è un'industria importante è anche parte del DNA italiano. Il calcio è un elemento importante della nostra cultura. Dal Governo mi aspetto questa sensibilità perché ci sono 32 milioni di italiani che seguono questo sport. E' un'industria che va oltre al mero valore dell'industria stessa. Stiamo cercando di occuparci da soli del nostro futuro e chiediamo solo il differimento dei termini di pagamento e lo stiamo facendo nel momento più duro della storia del calcio italiano".

Il calcio è composto da migliaia di persone e non solo da paperoni che giocano, bisogna pensare anche a loro?
"Evitiamo le banalizzazioni. 300mila persone lavorano in questa industria. Tutti parlano di Ronaldo, ma ci sono anche migliaia di fisioterapisti, custodi, massaggiatori ecc. Abbraccio tutti coloro che fanno parte di questa industria perché come tutti stanno vivendo un momento di grande difficoltà. Dobbiamo ragionare con freddezza e onestà, se vogliamo fare chiacchiere da bar, non è il mio ruolo né quello della Federazione.

Le ASL e le lamentele di Marotta?
"Abbiamo un protocollo molto severo, il più severo in Europa. Lo abbiamo sempre rispettato e dove ci sono stati casi diversi, c'è la procura federale che indaga. Abbiamo finito il campionato dello scorso anno e ripreso quello attuale in modo esemplare. Abbiamo dato mandato ai medici sportivi di scrivere un protocollo ancora più duro. Ci deve essere un raccordo, non possiamo essere noi a seguire ogni differenza. Ci deve essere una filosofia unica, rispettando il principio di base, dopo che noi abbiamo messo in sicurezza il sistema che non è stato certo semplice. Questo per garantire che il calcio sia in piena sicurezza e possa andare avanti".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000