HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

La Giovane Italia
Serie A

Del Piero, Buffon e Allegri, stesso destino. Conta solo la Juve

18.05.2019 18:00 di Michele Pavese  Twitter:    articolo letto 19718 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

In principio era toccato ad Alessandro Del Piero, un anno esatto fa a Gianluigi Buffon. Oggi, invece, è stato Massimiliano Allegri a salutare ufficialmente la Vecchia Signora. Le analogie, a pensarci bene, sono tante, e il segnale lanciato da Andrea Agnelli è lo stesso: le bandiere esistono, così come la riconoscenza, ma la Juventus viene prima di tutto. Un concetto, semplice e diretto, che caratterizza da sempre la storia bianconera, ribadito ancora una volta nella conferenza stampa andata in scena nel primo pomeriggio: giocatori, dirigenti e allenatori passano, la Juve resta. E bisogna guardare sempre al futuro, con ambizioni rinnovate di anno in anno, mettendo da parte i sentimenti.

Quello che è davvero importante - Da parte di Agnelli, rispetto alle rotture del passato, è emerso un maggiore dispiacere, segno che stavolta il conflitto interiore (e forse anche con qualche dirigente) è stato più profondo. Ma, a conti fatti, anche quello dato ad Allegri è un vero e proprio benservito, nonostante il sincero affetto e l'amicizia che legano il presidente al tecnico livornese. I due si sono seduti fianco a fianco; una sorta di déjà-vu, una scena già vista il 17 maggio 2018, quando il portiere più forte di sempre annunciò l'addio al club torinese dopo diciassette stagioni. Un commiato simile per tempistiche e modalità, ma anche per contenuti: nel momento in cui c'è bisogno di prendere decisioni forti e sofferte, la società non si lascia pregare e non ha paura del cambiamento. "Siamo un'azienda, Allegri ne ha scritto la storia", così come i suoi predecessori. Ma nulla può interferire con i piani e i progetti, si deve guardare avanti. È questo, forse, il segreto del successo dei campioni d'Italia negli ultimi otto anni: non guardare in faccia nessuno, nemmeno chi ha collezionato trofei e record. Vincere, in fondo, non è l'unica cosa che conta. Conta la Juve, molto di più.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

UFFICIALE: Marco Giampaolo è il nuovo allenatore del Milan AC Milan comunica che, a partire dal 1° luglio 2019, affiderà la conduzione tecnica della Prima Squadra a Marco Giampaolo, attraverso un contratto con il Club rossonero fino al 30 giugno 2021, con un'opzione per il rinnovo fino al 30 giugno 2022. Marco Giampaolo, nato a Bellinzona...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510