HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Serie A

Donnarumma-Milan, il perché è una grande vittoria per tutti

19.06.2017 11:45 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 52107 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

È da giovedì sera che non si parla di altro. Gianluigi Donnarumma è il caso mediatico dell'estate, in un infinito puzzle che ricorda i migliori tormentoni degli anni passati. Una trattativa che non è che all'inizio, a dir la verità, sebbene se ne parli da oramai sei mesi. Da ancor prima di diventare maggiorenne, quando Donnarumma aveva un accordo per un anno e mezzo e poteva rinnovare solamente di tre. Ora il tempo stringe, scappa. E molti dicono che ci sono solo perdenti.

Non è vero, anzi, ci sono solo vincenti. Il Milan innanzitutto, dopo un inizio claudicante con la nuova dirigenza, ha trovato compattezza e la solidarietà dei tifosi. Esagerata la contestazione in Polonia - meglio parlare di nazionale che non di club - ma quasi tutti i supporter milanisti avrebbero fatto più o meno la stessa cosa. È lo sport professionistico, baby, come Lebron James quando passò da Cleveland a Miami. Insomma, la franchigia Milan ha uno zoccolo duro che si identifica sempre di più nei nuovi proprietari, autori di colpi di biliardo in queste prime settimane di mercato.

Ancora di più: Donnarumma è davvero un asset societario prima ancora che un giocatore su cui rifondare. Dovesse andar via per la cifra corretta (50 milioni?) a quel punto i rossoneri potrebbero reinvestire laddove la storia ha dato loro ragione. Tra centrocampo e attacco, insomma, visto che la difesa - dovesse arrivare Conti - è già praticamente fatta. Difficile ipotizzare a una partenza a zero, viste le premesse. E poi c'è quell'apertura di Fassone, nella sua intervista a Gazzetta, che di fatto concede spiragli che al momento non ci sono.

Fa il gioco anche di Mino Raiola, uscito come il presidente della Repubblica a reti unificate, dopo la mezzanotte. È giusto e possibile scegliersi gli interlocutori? Andando avanti così potrebbero esserci anche le domande già scritte e il pappagallo che scorre in fondo. Rimane la forza politica e mediatica di un personaggio che certamente fa bene il proprio lavoro, trovando milioni di euro in cambio.

E Donnarumma? Ecco, forse è l'unico che potrebbe sentirsi preso in giro, come un pacco postale, ben sapendo che ha comunque un francobollo decisamente interessante, da 5 milioni di euro in su. La scelta di affidarsi a un professionista come Raiola, però, ha dei pro e dei contro. Così come avere diciott'anni e doversi difendere da un tritacarne come il mercato. Ma per lui i dividendi comunque saranno molto ben remunerati, comunque vada a finire.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e ufficialità del 22 maggio NAPOLI: INCONTRO DE LAURENTIIS-ANCELOTTI A ROMA, SARRI VERSO L'ADDIO. HAMSIK PARLA DI UN POSSIBILE DIVORZIO, PER LA PORTA VICINO RUI PATRICIO. JUVENTUS: GODIN SE BENATIA VA VIA. HIGUAIN PUO' SALUTARE, POSSIBILE SCAMBIO CON MORATA. KHEDIRA IN USCITA, TANTI I NOMI PER IL CENTROCAMPO...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy