Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
esclusiva

C. Zanetti: "Le critiche a Sarri? Mi scappa da ridere. Roma, è l'ora di stare tutti più uniti"

ESCLUSIVA TMW - C. Zanetti: "Le critiche a Sarri? Mi scappa da ridere. Roma, è l'ora di stare tutti più uniti"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di
venerdì 14 febbraio 2020 19:42Serie A
di Lorenzo Marucci

Una chiacchierata su tanti temi con Cristiano Zanetti, centrocampista elegante che in carriera tra gli altri trofei ha conquistato anche due scudetti (uno con la Roma, l'altro con l'Inter). Ha vestito anche la maglia della Juve e a questo proposito l'analisi parte da Sarri e dalle critiche che sta ricevendo. "Viene messo in discussione ed è primo in classifica, in lotta per la Champions e in semifinale di Coppa Italia. Mi scappa da ridere - dice a Tuttomercatoweb.com - aspettiamo che sbagli veramente qualcosa prima di puntare il dito. Ci possono essere, a seconda dei periodi, giocatori in forma e meno in condizione, il momento importante è ora che arriva la Champions".

Manca però l'atteso bel gioco...
"Chiaramente ci vogliono determinate caratteristiche dei giocatori che assecondino le idee del tecnico. Per fare il bel gioco Sarri ha bisogno di certi giocatori ma con questo non è che la Juve giochi un brutto calcio. Magari non sarà spumeggiante come quello del Napoli. Quello che si nota semmai è che prende troppi gol. Anche se poi con Ronaldo può partire sempre da uno a zero".

L'Inter può togliere lo scudetto ai bianconeri?
"E' un campionato equilibrato e anche la Lazio può dire la sua. I biancocelesti non hanno le coppe e questo può essere un vantaggio. Juve e Inter hanno ottime rose e sarà una bella lotta fino alla fine. Una grande novità rispetto agli ultimi anni".

La crisi della Roma invece come la giudica?
"In una stagione ci sono gli alti e bassi e credo che quella di domani sia la gara giusta per vedere le qualità della Roma. E' il match ideale a livello di stimoli".

Di questa difficile situazione societaria che idea si è fatto?
"Ho seguito poco, credo che certe cose debbano restare all'interno della società. Non ho capito lo sfogo del ds, forse dovuto ad una serie di motivi. A Torino l'ho sempre visto comunque molto calmo, peraltro è esperto e dal punto di vista calcistico ha sempre trovato giocatori interessanti. Ripeto, in un'annata possono capitare momenti difficili e allora serve stare più uniti possibile. La squadra è importante, ha molti giovani ma i valori ci sono".

Quarto posto possibile?
"Certo, ci sono ancora tante partite, il campionato è lungo. E mi piace molto Fonseca".

La Fiorentina invece sta attraversando un periodo non del tutto tranquillo in classifica...
"Ha pagato gli infortuni di Ribery e Chiesa. In proporzione è come se alla Juve togliessi oltre a Chiellini anche Cristiano Ronaldo. In una rosa come quella viola sono due assenze che si sono fatte sentire. E quindi anche quando si giudica un allenatore e si decidono le sue sorti bisogna vedere la rosa che è a disposizione e quanti sono gli infortunati. Ripeto, un conto è allenare la Fiorentina con Ribery e Chiesa, altro discorso senza di loro. Mi è dispiaciuto per Vincenzo (Montella, ndr) ma sono anche contento per Iachini che è tornato nella squadra dove era già stato da calciatore".

Da esperto del ruolo, che pensa di Pulgar?
"E' un buon centrocampista che ha ancora tanto da dare. E' ancora un po' inespresso. In fase di costruzione mi piace, in fase di non possesso deve migliorare le letture".

Commisso le sta piacendo?
"E' un presidente passionale, ci mette tanto. Però credo che debba capire il calcio italiano. Non credo che presentandosi dopo una partita alle tv per sottolineare i torti arbitrali si possa ottenere tanto. E' preferibile farsi sentire nelle sedi opportune. Sono convinto che comprenderà che è meglio una parola in meno in tv e una in più nelle sedi competenti".

La situazione del Brescia come la vede?
"Credo che la salvezza dipenda da Balotelli. La squadra è stata costruita bene con la speranza che Balotelli faccia il Balotelli. Se è quello di ora non si salva. Se invece fa due mesi alla grande il Brescia resta in serie A. Come Ibra ha risistemato il Milan, così Balo deve fare per il Brescia. La permanenza in
A passa da lui anche per l'esperienza che ha ormai acquisito".

© Riproduzione riservata
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000