Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
esclusiva

Delio Rossi: "Inter, tutto su Cavani. Fisicamente il più forte mai allenato"

ESCLUSIVA TMW - Delio Rossi: "Inter, tutto su Cavani. Fisicamente il più forte mai allenato"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico Gaetano
martedì 26 maggio 2020 13:15Serie A
di Marco Conterio

Delio Rossi, sessant'anni a gennaio, ne ha masticato di calcio. Trent'anni di carriera da allenatore e ora un periodo "in attesa". "Perché per scegliere un nuovo allenatore, l'unica idea che c'è ora nei club è che spendendo poco ti cresci in casa Guardiola -spiega a Tuttomercatoweb.com-. Invece non ce ne sono tanti, anzi. E poi pensano che il tecnico sia solo una componente, che siano bravi presidenti, direttori, procuratori. Non lo sanno che se sbaglia l'allenatore crolla tutto".
Intanto non si gioca, ancora.
"Sono un uomo di campo, ho dedicato la mia vita al calcio. Si sta riaprendo tutto, è giusto riparta anche il pallone, soprattutto in Serie A. Non è solo sport, è un'industria. Sportivamente, poi, vedremo un altro calcio anche se non sarà il calcio che conosciamo. Ci sarà la A che farà da volano e il resto che dovrà adeguarsi".
E che calcio sarà?
"Mi auguro che, paradossalmente, da questa situazione drammatica, possa venir fuori un aspetto positivo come il nostro modo di fare calcio. Non possiamo permetterci cento squadre professionistiche che poi hanno i conti in rosso. Un'azienda deve guadagnare, forse dobbiamo fare due passi indietro".
E' d'accordo dunque con la possibile riforma con due gironi di B e la C dilettantistica?
"Il professionismo deve essere dei migliori, di chi può permetterselo. Una A e due B sarebbe giusto, fermo restando che non basterebbe: andrebbe rivisto tutto, la selezione, il settore giovanile, siamo indietro rispetto ad altri. Siamo rimasti al 2006 ma eravamo già sul Titanic. Nel frattempo altri sono andati avanti: se ora giochiamo col Belgio ci è superiore, la stessa Francia... Non dobbiamo aver puzza sotto il naso ma essere umili e rimboccarci le maniche".
Chi vedrebbe bene alla guida di questo nuovo corso?
"Quando si progetta, lo fanno gli ingegneri. Ci sono persone che vengono dal calcio che hanno delle qualità. Tommasi è una figura valida, per esempio, lui come altri calciatori che conoscono la materia. Anche da altri sport, Velasco, Montali: ci sono tanti professionisti validi. Però devi pensare di avere un problema".
Chi vuole risolvere i suoi in attacco è l'Inter. Con un suo ex allievo, ai tempi di Palermo, Edinson Cavani.
"E' il giocatore che, fisicamente, più forte che abbia allenato. Dopo le partite poteva giocarne un'altra: è generoso, intelligente, un istintivo che sbagliava tanto che poi è diventato bomber. Con Lukaku lo vedo bene, è un generoso e sa adattarsi con chiunque".
Anche caratterialmente?
"Io l'ho avuto da ragazzo, ma poi chi ha qualcosa in più è sempre particolare. Le regole devono essere sempre uguali ma poi devi saperti adeguare a questi ragazzi, sennò sarebbe troppo facile fare l'allenatore".

© Riproduzione riservata
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000