HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Serie A

ESCLUSIVA TMW - Lagae (Het Nieuwsblad): "Date fiducia a Lukaku, sarà grande"

12.09.2019 09:00 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 4944 volte
Fonte: dal nostro inviato all'Etihad Stadium di Manchester
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Inviato di Het Nieuwsblad, Bart Lagae commenta per Tuttomercatoweb.com i temi legati al suo Belgio. Da Manchester, dove ieri sera era al seguito della serata dedicata a Vincent Kompany che ha salutato così Manchester dopo undici stagioni.
Partiamo da Lukaku: che impatto può avere in Italia?
"Se puoi avere un impatto in Inghilterra, puoi averlo in Italia. Sono due leghe diverse, la A è differente ma ha già provato di poterlo fare. Segna sempre, non importa dove: se ha palla e spazio per correre, se trova serenità e felicità, può fare bene".
Che tipo è Romelu?
"E' molto concentrato sul calcio, pensa al pallone tutto il tempo. Vuole sempre fare meglio, quando vede i suoi compagni poco concentrati ci parla e cerca di caricarli: gli manca vincere titoli e probabilmente si prenderà la responsabilità di essere un leader. Ha 26 anni ora, è da 10 anni nel business, è pronto per essere una guida. Non so se possa essere capitano, ma sicuramente un leader".
Cosa è andato storto in Premier?
"Non si sentiva voluto, desiderato. Non si sentiva l'attaccante giusto. Lukaku è un giocatore che ha bisogno di spazio, in campo e sul campo. In Italia la sfida è dura, ma se avrà la fiducia del gruppo, del club e del pubblico, potrà fare bene. Credo sia stato difficile per tutti al Manchester United, il club è in una situazione difficile da tempo: lui, Sanchez, Mkhitaryan hanno fatto male e sono arrivati in Italia".
Che idea si è fatta la stampa belga del caso legato a Lukaku e al razzismo?
"In Belgio sono rimasti sorpresi dal comunicato dei tifosi dell'Inter. In Italia la politica influenza la tifoseria più che in Belgio e per questo non è stata compresa. Ma a prescindere è tutto da condannare e combattere".
Ieri ha seguito la serata di Kompany.
"Ha avuto una grandissima carriera, fantastica. Ha vinto più trofei di ogni altro giocatore belga all'estero: Lukaku non ha vinto tanto, De Bruyne è dietro adesso. Forse non è stato il migliore, visto che è stato infortunato. Ci sono Hazard, Romelu, che sono giocatori migliori, ma Vincent da sano è stato uno dei migliori centrali. Ha alzato tanti trofei, è stato pronto per le grandi occasioni, 'conservandosi' sempre per le partite".
Che presente ha, intanto, Vincent?
"E' sempre player-manager, ha giocato le prime gare. Non ha il patentino, c'è un tecnico in prima ma è lui che decide. La situazione all'Anderlecht però è difficile, è difficile per lui essere giocatore e boss.

© Riproduzione riservata

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Juve, Paratici e la corsa scudetto: "Atalanta può essere Leicester italiano" La Juventus si avvia al nono scudetto consecutivo? Ne ha parlato Fabio Paratici ieri ad Amatrice, ecco alcune parole riportate da Tuttosport: "Il campionato è lungo, l'Inter è la rivale più accreditata e penso che anche la gara di Milano sia stata importante per dimostrare a noi stessi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510