HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Serie A

ESCLUSIVA TMW - Paulinho porta il Livorno in A, Ricci: "Poteva andare all'Inter"

02.06.2013 23:53 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 18165 volte
© foto di Alessio Alaimo/TuttoMercatoWeb.com

"L'ambiente di Livorno era carico, c'era impazienza e voglia di tornare in serie A. I tifosi hanno dato una grande mano, c'era un clima d'altri tempi". Così a TuttoMercatoWeb.com l'agente Fifa Emanuele Ricci, che cura gli interessi dell'attaccante del Livorno, Paulo Sergio Betanin, meglio noto come Paulinho. "Il Livorno - spiega - è entrato in campo con più determinazione, s'è dimostrato più squadra".

Con un Paulinho così poi è tutto più facile. Ora è pronto per la A: come lo ha scoperto?
"L'ho scoperto nel 2003 quando giocava nella Juventude, era una società con cui collaboravo molto. C'era un settore giovanile molto importante, lui era un ragazzino, faceva gli allievi. L'ho notato subito per le sue qualità, era già un giocatore diverso. Dopo due mesi abbiamo chiesto il permesso alla Juventude e di lui ne abbiamo parlato a Roma e Inter. Ai nerazzurri, in particolare a Casiraghi, era piaciuto. Non ci siamo messi d'accordo per il passaporto comunitario che non era pronto, pur avendo chiare origini venete. Qualche mese dopo iniziò ad entrare nel giro della Nazionale e venne chiamato per vari stage. Poi venne notato da un osservatore del Chelsea: solita situazione del passaporto, passammo due settimane in Inghilterra. Era il primo anno di Mourinho: Paulo si allenava con la squadra B, il tecnico portoghese lo avvicinò dicendogli che aveva grandi potenzialità, ma doveva crederci di più. Ha fatto bene con l'Under '20, poi è arrivato in Italia grazie ad Elio Signorelli, a marzo del 2004. C'erano tante pretese, erano gli ultimi mesi di Protti a Livorno e quindi si parlava dell'erede, così ha accusato un po' questa pressione. Dal lunedì al sabato andava benissimo negli allenamenti, poi la domenica aveva qualche problema".

Poi la svolta...
"Il biennio a Sorrento gli ha fatto bene, ora è il momento di giocare in serie A. Questo è stato l'anno della consacrazione. Si vede che è un giocatore pronto e maturo. Oltre a fare queste giocate decisive è continuo ed affidabile. Ha fatto il 98% delle partite segnando con continuità".

E le pretendenti per il futuro non mancano: Sampdoria e Palermo ci pensano.
"Interessa ad entrambe le società, ma ne parleremo dalla prossima settimana. Fin ora abbiamo pensato ai playoff".

La delusione di Paulinho a fine gara © foto di Federico Gaetano


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie C

Primo piano

L’anima Latina del derby della Madonnina C’è un’anima latina nel derby di Milano. C’è un’aura di imprevedibilità nell’evidente tentativo di rilancio che le due metà della città più operosa d’Italia stanno cercando di perseguire e portare a termine nell’anno che deve essere quello della rinascita. Un obiettivo tangibile,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy