Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Gasperini contro Juric, altro che allievo contro maestro. Storia di due trasformisti in evoluzione

Gasperini contro Juric, altro che allievo contro maestro. Storia di due trasformisti in evoluzioneTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
sabato 28 novembre 2020 11:45Serie A
di Marco Conterio

Gian Piero Gasperini contro Ivan Juric non è la banale storia del maestro contro l'allievo. Lì sarebbe tutto riduttivo, sarebbe la fotografia di un santone e di un imberbe che si son trasmessi un credo e con quello han fatto fortuna. Gasperini e Juric è sì la storia di una fonte d'ispirazione e di uno studente modello, nonché caposaldo e perno dei momenti duri, da giocatore e da secondo poi. Però la bravura va oltre a questo semplice rapporto. Entrambi hanno saputo svilupparsi da allora, crescere. Gasperini è rimasto un integralista a metà, perché ha saputo plasmare le squadre secondo i suoi dogmi ma altresì adattarsi al tipo di giocatori a disposizione. L'Atalanta è una con Ilicic, è un'altra senza. E' una con Gomez, è un'altra senza. E' stato capace, negli anni, di creare una propria struttura, delle proprie inscindibili fondamenta come la difesa a tre, il centravanti solitario, i due mediani, gli esterni a tutta fascia, ma di far gravitare attorno a questi diversi schemi a seconda degli uomini disponibili o scelti al momento, per forma o avversario.

Juric il trasformista Lo stesso dicasi per Juric. Difesa a tre e due mediani, esterni a tutta fascia. Poi ha scisso il credo offensivo di Gasperini e ha cambiato, a Verona, dove ha trovato pane per i suoi denti e sintonia a livello di mercato. Chiaro, come Gasp si bacchetta con Sartori, il tecnico croato lo fa con la dirigenza dell'Hellas. Odi et amo, si stimolano vicendevolmente e pure qui sta il segreto. Gioca con una punta ma anche col falso nueve, con due trequartisti o con le ali. Sceglie gli uomini e i momenti, a seconda della forma a dell'avversario, e pure questo è un punto in comune con Gasperini. Ma se ce n'è uno che li accomuna di più, è la fase difensiva. Il coraggio, che sembra spregiudicatezza ma che è in verità la capacità di trasmettere consapevolezza e determinazione ai propri giocatori. Che davanti ci sia una piccola o una grande, lo Spezia o la Juventus, pressing alto e concessione dell'uno contro uno in ogni zona del campo. Anche così si diventa grandi, anche quando hai dei galloni in meno dell'avversaria.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000