HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Fitwalking for AIL
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Serie A

Gattuso: "Abbiamo fatto fatica. Qualità non si compra al supermercato"

08.03.2018 21:40 di Patrick Iannarelli   articolo letto 8290 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Gennaro Gattuso, allenatore del Milan, è intervenuto al termine del match perso contro l’Arsenal (0-2 il risultato finale). Ecco le sue parole ai microfoni di Sky Sport:

Chiedeva a Calhanoglu di buttarsi sul contatto?

"Io mi sarei buttato. Il contatto c’è, ma va bene così. Non è questo. Questo è un episodio, potevamo fare molto meglio. Abbiamo fatto fatica, abbiamo sofferto troppo. L'Arsenal è stato superiore a livello tecnico, noi abbiamo sbagliato troppo. Ci seguivano a uomo, volevamo palleggiare e non avevamo coraggio. Abbiamo sofferto nelle imbucate, però bisogna guardare avanti. Sapevamo che dovevamo far fatica. La qualità non si compra al supermercato".

X'è stata ansia da prestazione?

"Chi gioca a calcio sa che sono partite difficili. Io non nascondo l’età, ma per fare esperienza bisogna prendere legante del genere. Tra quindici partite si parlerà di altra mentalità. Ci sta, perché anche a me tremavano le gambe quando giocavo a 21 anni. A 28 anni sbagliavo sicuramente di meno".

Come si fa a motivare questa squadra in vista del ritorno?

"Dobbiamo avere la testa a domenica, ancora ci stiamo giocando qualcosa di importante. Da lunedì penseremo all’Arsenal. Indossiamo una maglia gloriosa, non possiamo permetterci scampagnate. Pensiamo al Genoa, sarà una partita difficile".

Dovevate giocare più sui terzini?

"Nel primo tempo lo abbiamo fatto tantissime volte, secondo me l’errore più grande c’è stato quando ci imbucavano i palloni. Linee troppo larghe, un po’ di casino con i centrocampisti. Bonaventura e Kessié erano fuori posizione, ci facevano correre all’indietro".

Ho visto delle gambe imbastite: colpa del richiamo della preparazione?

"Queste sono partite con 75.000 persone, sai che ti guarda tutto il mondo. Trovi giocatori con una fisicità impressionante, mettici poi la pressione, la posta in palio, l’inesperienza. Eravamo meno brillanti, è vero. Sicuramente siamo andati a fare un carico di lavoro simulato come se avessimo giocato il derby".

Si poteva avere una strategia di verticalizzazione sulla punta?

"Sì, l’avevamo preparata così, tante volte non ci siamo andati mai. Lo sviluppo di gioco non è stato fatto nel modo migliore, anche per bravura loro. Abbiamo sofferto tutto questo".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

...con Angelozzi “Il Verona è la squadra più forte insieme a Palermo, Crotone, Benevento. Noi siamo in costruzione, ci siamo ringiovaniti. E in due-tre anni vogliamo fare la scalata verso la Serie A”. Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo dello Spezia, Guido Angelozzi. La garanzia in panchina...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy