HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Serie A

Hamsik: "Non ho in programma di andarmene. Scudetto? Tocca a noi"

13.02.2018 19:00 di Simone Bernabei  Twitter:    articolo letto 2714 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Il capitano del Napoli Marek Hamsik ha parlato al portale tedesco Sport1 ripercorrendo tutti i temi di attualità di casa Napoli: "Cosa significa indossare la maglia del Napoli? Fin dal primo momento in cui sono stato qui, ho capito che il calcio significa tutto per i napoletani. È come una religione o una malattia che ti accompagna ogni giorno. Come spiegheresti il ​​calcio di mister Maurizio Sarri? È bello da guardare ma difficile da imparare. Devi correre molto, spingere forte. Questo non è un calcio semplice. Se conquistiamo la palla, allora arriva la nostra forza: il possesso. Quindi ci divertiamo quando attacchiamo, ma quando difendiamo dobbiamo anche correre molto. Nessuno sembra lasciarsi andare a troppi dribbling, nel Napoli. Durante la settimana giochiamo sempre in allenamento con solo due tocchi di palla. Quindi miriamo a muovere la palla velocemente. Ma se i nostri attaccanti sono in possesso della palla, allora possono andare in dribbling. Il nome di Maradona aleggia ancora sul club. È più un onore o un onere? Naturalmente sappiamo tutti che Diego significa molto per questa città. Lui è il numero 1 e rimarrà lì per sempre. Tuttavia, dobbiamo e vogliamo riuscire a vincere anche noi. È passato molto tempo da quando il Napoli ha vinto qualcosa di importante, quindi sarebbe meraviglioso se potessimo rivivere quei tempi. Sei l'erede legittimo di Maradona, hai superato di recente il suo record di gol. Cosa significa per te? Per superarlo, hai bisogno di molto altro. Per noi napoletani, Diego è sempre il numero uno: non ci sono somiglianze tra di noi. Era un attaccante, con grande fantasia. Sono un calciatore e un uomo diverso, ma sono felice del mio cammino qui. Era un modello sul campo? Sfortunatamente ero troppo piccolo per vedere Maradona in campo. Anche se ho visto alcuni match con lui più tardi, sono cresciuto con altri idoli. Il Napoli non ha vinto lo scudetto per quasi 30 anni. I segnali sono favorevoli quest'anno... Infatti. Abbiamo completato in testa più della metà del campionato e corriamo un testa a testa con la Juventus. Forse non accadrà mai più negli anni a venire ed è per questo che proveremo il tutto per tutto. La Juve è un club mondiale con una squadra eccellente che vale 600 milioni di euro. Non possiamo paragonarci, ma siamo sul punto di fare qualcosa di incredibile e vogliamo batterla. Sono sicuro, questa volta tocca a noi. La maggior parte dei giocatori del Napoli non ha vinto molto rispetto alla Juventus. Esatto. Ma forse questa è la nostra occasione perché abbiamo una fame più grande per il titolo. Come valuti l'Europa League rispetto alla Champions? Non facciamo molta differenza. L'Europa League è altrettanto importante e vogliamo arrivare il più lontano possibile. Maurizio Sarri è una persona speciale. Cosa puoi dire del tuo allenatore? È un fumatore appassionato, è davvero incredibile. Non ho mai visto nessuno che fumi così tanto. Cos'altro lo caratterizza? Quando siamo in campo, richiede la massima concentrazione e vuole che diamo tutto. Fuori dal campo, è rilassato, scherza ed è molto socievole. Cosa significa per te la cresta? E' diventata il mio marchio di fabbrica. Finché gioco a calcio, questo sarà il mio stile. Non è da tutti e alcune madri non la vogliono per i loro figli. Ma ormai è parte di me. Sembra che la squadra azzurra abbia un'unione speciale. Abbiamo ragazzi incredibili e l'atmosfera nello spogliatoio è eccellente. Abbiamo sempre il sorriso stampato in faccia. Ma se dobbiamo lavorare, lo facciamo anche noi. Hai quasi messo radici a Napoli. Starai qui per sempre? Non puoi escludere nulla nel calcio, ma in questo momento non ho altri piani. Perché ti piace così tanto questa città? Dopo tanti anni, ho sviluppato un rapporto molto speciale con i fan. Mi piace molto il modo in cui funziona questa relazione. C'è molto amore tra di noi. Napoli ha il mare, il sole, puoi mangiare bene - puoi persino anche andare a sciare qui vicino...".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Rassegna stampa

Primo piano

Caso Modric: la risposta dell'Inter all'esposto presentato dal Real Madrid La Gazzetta dello Sport offre ulteriori dettagli in merito all'informativa che la Fifa ha inviato all'Inter in merito alla questione Luka Modric. Secondo il quotidiano, risale allo scorso 14 agosto la ricezione da parte del club nerazzurro della lettera della FIFA in seguito alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy