HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Politano verso il Napoli, è l'acquisto giusto?
  Sì, dà un'alternativa all'irriconoscibile Callejon dell'ultimo periodo
  No, al Napoli sarebbe servito un giocatore diverso
  No, il campionato azzurro è compromesso, a prescindere dagli arrivi

La Giovane Italia
Serie A

Hellas Verona, è il momento di Stepinski. Di Carmine permettendo

24.10.2019 11:23 di Luca Chiarini   articolo letto 3259 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Era arrivato sul gong finale, l'ultimo botto di un mercato condotto in maniera oculata dal d.s. D'Amico. Il riferimento centrale che Juric aveva chiesto e ottenuto, a completamento di una filosofia tattica che in queste settimane sta prendendo sempre più forma e contorni ben definiti. Serve tempo per entrare in un'idea di gioco, specie se ti chiami Mariusz Stepinski, e di mestiere fai l'attaccante in una squadra che sta facendo della disciplina difensiva un suo marchio di fabbrica inequivocabile. L'Hellas Verona è prima di ogni altra cosa un blocco unico, che ragiona da squadra e concede poco: non è un caso che gli scaligeri condividano lo status di seconda miglior difesa del campionato con formazioni del calibro di Juventus e Inter, oltre che con la sorpresa Cagliari. Ciò non significa necessariamente inefficienza in attacco, anzi: la vena realizzativa della squadra non può che migliorare, passando attraverso la crescita dei singoli. A partire dal polacco, che attende ancora la prima gioia in gialloblù. Il tempo è dalla sua: a Verona sembrano avere tutti grande fiducia in lui, e l'anticipo di domani contro il Sassuolo può essere l'occasione giusta per sbloccarsi, anche mentalmente.

DUALISMO CON DI CARMINE - Di Carmine permettendo. La sosta, cui va sommata l'ultima settimana di lavoro, ha consentito al centravanti di recuperare un po' di quel ritmo che aveva perso durante lo stop forzato per l'infortunio al gluteo rimediato contro l'Udinese. Con l'ex Perugia si profila un dualismo che non può che giovare al collettivo, ma che di contro potrebbe rallentare il processo di adattamento di Stepinski, alla luce della stima nei confronti del dieci dell'Hellas che Juric ha manifestato a più riprese, a parole e con i fatti.

GOL, MA NON SOLO - Certo sarebbe ingeneroso, oltre controproducente, chiedere al polacco di incidere soltanto in zona gol. Dopo i quindici sigilli in trentasei presenze nell'ultimo anno in Polonia, Stepinski ha messo in fila stagioni rispettivamente da dieci, cinque e sei reti tra Ligue 1 e Serie A. Le mansioni dell'ex Nantes, d'accordo con le sue caratteristiche, vanno ben al di là della mera realizzazione, e s'intrecciano a doppio filo con un lavoro di grande sacrificio e lotta, al servizio della squadra.

L'INFERMERIA - Doppia tegola in settimana per Juric: si è fermato ancora Bocchetti, questa volta per una lieve lesione al bicipite femorale, mentre Tupta sarà costretto ad uno stop tra le quattro e le sei settimane dopo l'intervento chirurgico al menisco. Ancora convalescente Giampaolo Pazzini, così come Bessa e Badu.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Inter-Cagliari, formazioni ufficiali: esordio per Young e Cragno Di seguito le formazioni ufficiali di Inter-Cagliari Esordio per Ashley Young. L'inglese si prende la corsia destra approfittando della squalifica di Candreva e delle condizioni non ottimali di D'Ambrosio e dell'altro nuovo arrivo Moses. Sull'out opposto ancora fiducia a Biraghi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510