HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Serie A

Il pagellone - Allegri 8: Champions da riprovare. In Italia nessuno come lui

21.04.2019 16:00 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 12419 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Cristiano Ronaldo e Chiellini, Szczesny e Mandzukic. Bravi tutti, ma l'ottavo scudetto consecutivo della Juventus ha un solo vero protagonista: Massimiliano Allegri. Da oggi ancora di più nell'Olimpo del calcio italiano, perché prima di lui nessuno aveva mai vinto cinque titoli di fila in Italia.

AMORE COMPLICATO -
Più forte delle voci, delle contestazioni dei tifosi: sempre presenti, nonostante i risultati. E gli spifferi di mercato, che lo vogliono un giorno sì e l'altro pure lontano da Torino. Ha messo venti punti tra sé e Ancelotti. All'estero, doppia faccia: ha imbrigliato Simeone come pochi altri hanno fatto. Poi si è visto imbrigliato dalla freschezza dei ragazzi di Erik ten Hag. In Italia guarda tutti dall'alto in basso: facile allenare i campioni? Sarà, ma nessuno ci riesce come lui. Mette da parte l'estetica per mettere in campo la pratica, e poi chiude col miglior attacco della Serie A. È il suo scudetto, più che di qualsiasi altro giocatore. Ha accettato il ritorno di Bonucci e non si è fatto problemi a mandarlo in campo. Ha aspettato a lanciare Kean e ora si gode un gol per ogni tempo di gioco. Sorride sornione nel rispondere a qualche sopracciglio alzato di troppo. Ha anche dei buoni dottori da consigliare.

DELUSIONE EUROPEA -
Gli manca solo la consacrazione in Champions, dopo avere messo in riga tutti in Italia. Ci riproverà l'anno prossimo, probabilmente sulla stessa panchina. È il cammino, oltre l'eliminazione, a rendere più basso il suo voto in Europa: rispetto alle altre annate, la Juve è uscita da questa Champions perché ha meritato di farlo, senza alcun episodio a fungere da parafulmine. Quattro sconfitte su dieci partite giocate in Europa, il doppio confronto con l'Ajax perso senza riuscire a reagire. Vincere è straordinario e fa bene a ricordarlo. Ma in Champions restano soprattutto i rimpianti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

...con Liverani “Non possiamo sapere quale sarà l’idea del Milan con il nuovo allenatore, probabilmente cambierà lo spirito e i rossoneri avranno voglia di partire forte. Dovremo essere bravi”. Così a TuttoMercatoWeb l’allenatore del Lecce, Fabio Liverani, in vista della partita di stasera dei giallorossi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510