HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Eriksen è il giocatore che serve all'Inter per lottare per lo Scudetto?
  Sì, ha l'esperienza ad alto livello che manca a Conte
  No, la Juve rimane troppo distante dalla squadra di Conte
  No, servirebbe un giocatore come Vidal per aiutare Conte

La Giovane Italia
Serie A

Icardi, la Seleccion può aspettare. Non come Amauri

28.09.2013 07:45 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 9118 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Lionel Messi, Gonzalo Higuain, Ezequiel Lavezzi, Sergio Aguero e Rodrigo Palacio. Un pokerissimo da sogno, un attacco atomico, che il commissario tecnico dell'Argentina Alejandro Sabella ha solo l'imbarazzo di chi mandare in panchina. La nazionale albiceleste, già al Mondiale, ha deciso di non optare per la linea morbida, scegliendo invece i migliori e non quelli che, mediaticamente, stanno avendo un risalto istantaneo e, ma solo forse, temporaneo. Quindi spazio ai mostri sacri, a chi la maglietta dell'Argentina ha già dimostrato di saperla portare senza particolari pressioni. E fuori Mauro Icardi, centravanti dell'Inter, che aspetta ancora il primo gettone con la propria nazionale. Chiaramente finché non giocherà con la Seleccion, Icardi potrà essere pure convocabile da Cesare Prandelli, perché il doppio passaporto permetterebbe, secondo le norme FIFA, di vestire la maglia azzurra. Pare, però, che sia solamente un desiderio lontano dal realizzarsi, e non solo perché Sabella - da cognome - sa perfettamente cosa passa per la mente del numero nove interista. Sin dai tempi del Barça ha sostenuto di volere giocare solamente con una selezione, quella argentina, ringraziando gli interessamenti di chi avrebbe voluto aspettarlo a braccia aperte. Quindi, nonostante la mancata chiamata, Icardi resta un sogno. E forse è meglio così, poiché dopo Camoranesi - forse l'unico oriundo per cui valesse la pena negli ultimi anni - il precedente si chiama Amauri, che ha inseguito la cittadinanza per molti anni prima di averla, esordire con l'Italia e uscire subito dal giro, dopo esserlo stato per almeno tre stagioni dove non poteva essere convocato.
Ok, per Icardi la storia sarebbe diversa - come lo sarebbe stato per Thiago Alcantara, nato a San Pietro Vernotico - ma la nuova generazione degli attaccanti italiani poco hanno da invidiare, per lo meno in prospettiva, con gli argentini. L'unico appunto da fare a Sabella sarebbe la presenza, nella lista, di José Sosa, meteora a Napoli e capitano del Metalist: il Principito in Italia è rimasto un incompreso, Icardi no. E con tutte le mezzepunte in rosa, ci poteva essere pure la chiamata per il nerazzurro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Mourinho: "Eriksen gioca. All'Inter sicuri? Allora faranno un'offerta" José Mourinho ha annunciato che Christian Eriksen sarà regolarmente in campo domani contro il Watford, questo nonostante il possibile trasferimento del danese all'Inter. Sul futuro del giocatore ha dichiarato: "Dovete chiedere all'agente e all'Inter perché sanno più di me. Se sono...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510