Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Inter, Zanetti: "Maradona era una persona speciale, quello che trasmetteva era incredibile"

Inter, Zanetti: "Maradona era una persona speciale, quello che trasmetteva era incredibile"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
domenica 29 novembre 2020 23:59Serie A
di Alessandra Stefanelli

Il vicepresidente dell’Inter Javier Zanetti si è raccontato nel corso di una lunga diretta su Twitch assieme a Bobo Vieri: “L’amore per la gente per Diego era incredibile. È impressionante il numero di persone che c’erano in piazza in Argentina, era anche un rischio con la pandemia e li hanno dovuti fermare. Io sono cresciuto con lui, quando avevo 12 anni l’ho visto vincere il Mondiale. Quello che lui trasmetteva era incredibile, era una persona speciale. Quando ti parlava sentivi qualcosa di speciale. C’è una grande tristezza, quando è successo quello che è successo io stavo guardando una tv argentina e pensavo che si sarebbe ripreso dal malore che aveva avuto. È una mancanza che ci ha ferito tantissimo”.

Adani gli chiede poi dell’orgoglio argentino: “Quello che lui trasmetteva era unico. Quando era ct dell’Argentina mi ha convocato per l’amichevole contro la Francia, l’ho incontrato nel corridoio dell’albergo, lui mi ha abbracciato e mi ha detto che dovevamo vincere perché per lui non esistevano amichevoli. Io ero con Burdisso in camera, lui bussava alla porta e si sedeva con noi, ci raccontava le partite del Napoli perché gli piaceva raccontare le sue esperienze. Lui era speciale, una volta mi chiama perché stava venendo a Milano a vedere una partita dell’Inter, mi disse che voleva venire a mangiare al mio ristorante, io ho preparato tutto e lui non c’era. L’ho chiamato e mi ha detto che era incazzato perché l’autista non trovava il mio ristorante. Alla fine la cena è durata fino a tardi, a lui piacevano queste cose, ti faceva sentire bene”.

E ancora su Maradona: “Il quartiere da cui proviene lui è incredibile, è assurdo pensare alla carriera che poi lui dopo ha fatto e le pressioni che ha dovuto sopportare. La lettera che gli ha scritto la figlia è una cosa commovente, non riesco a leggerla senza piangere. Ora dobbiamo ricordare le cose belle che ha fatto e che ci ha lasciato”.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000