HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Serie A

#Inter110 - Vincenti e sfortunati: Moratti e gli altri. I presidenti

09.03.2018 13:00 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 6433 volte
© foto di Stefano Porta/PhotoViews

Il presidente dell'Inter, per tutti noi, si chiama Moratti di cognome: Angelo a cavallo tra gli annin '50 e '60, suo figlio Massimo dal 1995 al 2004 e poi ancora dal 2006 al 2013. Il legame della famiglia Moratti col Biscione è lungo, ma anche prospero: sui 39 trofei vinti dall'Inter nei 110 anni della propria storia, ben 23 sono targati Moratti.

Il primo presidente, però, si chiamava Giovanni Paramithiotti. Fu tra i fondatori, e durò solo un anno. Anche perché i maligni dicessero che portasse male: quando andava allo stadio, l'Inter perdeva. È una nomea che, più di recente, qualcuno ha affibbiato anche a Erick Thohir. Come tutte le cattiverie, però, ha le gambe corte: un giorno Paramithiotti si presentò allo stadio con barba e baffi posticci, per non farsi riconoscere. L'Inter vinse: la malasorte era solo nella testa della gente.

Da lì in poi, tanti nomi, molto durati poco tempo: il primo campionato vinto arriva con Carlo De Medici, mentre Ernesto Torrusio, vicino al gerarca fascista Leandro Arpinati, fu l'uomo della trasformazione in Ambrosiana. Il presidente del post-fascismo fu Carlo Masseroni: con lui la società riprese il nome di Inter. Con lui l'arrivo dell'attaccante ungherese István Nyers, e le successive trattative per l'aumento salariale da questi richiesto: l'inizioi del calciomercato per come lo conosciamo.

Dal 1955 si apre l'epopea targata Angelo Moratti: tra i più importanti imprenditori petroliferi italiani, portò l'Inter sulla vetta del mondo. E segnò un'epoca: Herrera, Facchetti, lo stesso Prisco. Con Moratti nasce la Pinetina: è sua l'idea di costruire un centro sportivo ad Appiano Gentile. Dopo di lui, anni complicati: Ivanoe Fraizzoli diceva di avere tre passioni. Chiesa, moglie e Inter, non per forza in quest'ordine di cose. Vincerà, ma non quanto il suo predecessore. Resta nella memoria una sua gaffe storica. Comprata l'Inter da Moratti (vivo), disse: "Sono particolarmente orgoglioso di aver assunto la presidenza dell'Inter dopo la dipartita di Moratti". Dopo di lui, Ernesto Pellegrini: undici anni, un solo scudetto, ma due Coppa Uefa. Innamorato dell'Inter, come tutti i suoi colleghi.

Come Massimo Moratti, che nel 1995 riporta a casa la società, quella di suo padre, quella del suo cuore. Per vent'anni resterà il presidente che non ha vinto nulla, poi qualcosa cambia, e nel giro di pochi anni vince tutto, quello che né lui né altri suoi predecessori erano riusciti a conquistare. Con 11 trofei, è il presidente più vincente nella storia dell'Inter. Tra una presidenza e l'altra, lascia per due anni le redini a Giacinto Facchetti, sotto la cui presidenza i nerazzurri mettono in bacheca il discusso scudetto del 2006. Dal 2013, si apre un nuovo capitolo: arriva Erick Thohir. L'indonesiano, nonostante dal punto di vista della proprietà gli siano succeduti Zhang e il suo Suning Group, resta tuttora il presidente dell'Inter. Sfortunato, per ora più di altri: la sua bacheca è ancora ferma a zero titoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

26mila non bastano. La Juventus spinge per il pienone allo Stadium Ventiseimila spettatori non bastano, anche se si tratta già del nuovo record italiano d'affluenza per una gara femminile, la Juventus vuole uno stadio pieno per la prima volta della squadra femminile all’Allianz Stadium di Torino in occasione della sfida Scudetto contro la Fiorentina...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510