Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Le grandi trattative della Sampdoria - 1993, ecco Gullit: l'ultimo regalo di Paolo Mantovani

Le grandi trattative della Sampdoria - 1993, ecco Gullit: l'ultimo regalo di Paolo MantovaniTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
giovedì 26 marzo 2020 19:00Serie A
di Andrea Piras

Era il 14 luglio 1993. In una giornata di mezza estate Ruud Gullit scese dalla sua automobile e si presentò in via XX Settembre, allora sede blucerchiata, per firmare il proprio contratto con la Sampdoria. Il Tulipano Nero, dopo sei stagioni, decise di lasciare il Milan dopo aver vinto tutto a livello di club e individualmente e di rimettersi in gioco ai piedi della Lanterna. Ad accoglierlo trovò un Paolo Mantovani provato nel fisico dalla malattia ma deciso più che mai a costruire una squadra che potesse avvicinarsi a quello storico undici che nel 90-91 portò il Marinaio sul tetto d'Italia e nel periodo finale degli anni '80 a solcare i mari europei più prestigiosi.

Il rifiuto al Toro e il sì alla Samp - Tutto ebbe inizio a metà della stagione '92-'93 quando il 23 dicembre il presidente Paolo Mantovani parlò con la stella olandese al termine del match perso dalla sua Sampdoria per 2-1 contro il Milan. In estate poi si concretizzò il tutto con il Torino battuto al fotofinish per un colpo di mercato che riportò indietro le lancette del tempo per i tifosi di almeno quattro anni. Prezzo complessivo dell'operazione fu un miliardo, tre in meno rispetto al suo valore di cartellino, con il giocatore che andò a firmare un contratto da 2 miliardi e 200 milioni di lire, di cui 1 miliardo e mezzo dal presidente Mantovani e 700 milioni dallo sponsor che forniva al giocatore le scarpe da tennis.

Terzo posto e quarta Coppa Italia - L'impatto con la realtà blucerchiata è stato devastante. Una seconda giovinezza arrivata sull'orlo dei 31 anni, complice anche una posizione in campo più arretrata. Alla fine la stella olandese realizzò 15 reti in 31 gare di campionato, il 3-2 contro il suo ex Milan a Marassi è ancora scolpito nella memoria dei tifosi. A fine campionato la squadra di Eriksson conquistò il terzo posto ma soprattutto alzò al cielo, dopo la doppia finale contro l'Ancona, la quarta Coppa Italia. Competizione che vide l'ex Milan a segno due volte: la prima, fondamentale, l'1-1 all'89' a San Siro nel ritorno dei quarti di finale contro l'Inter dopo il successo per 1-0 dell'andata. La seconda al "Tardini" nel ritorno delle semifinali contro il Parma. Il quarto trofeo nazionale non fu festeggiato da Paolo Mantovani. Il presidente dello storico scudetto morì il 14 ottobre 1993 dopo una lunga malattia. E Ruud Gullit fu, in un certo senso, l'ultimo regalo di un uomo che scrisse pagine indelebili della storia della Sampdoria.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000