HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Atalanta)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

La Giovane Italia
Serie A

LIVE TMW - Italia, Orsolini: "Miha? Vorrei consigli e una parola di sostegno"

12.11.2019 13:17 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 16129 volte
© foto di Massimiliano Vitez/Image Sport

12.25 - Fra poco, nel centro tecnico di Coverciano, parlerà Riccardo Orsolini, con Gaetano Castrovilli e Andrea Cistana.

Inizia la conferenza stampa. "Per me è un'opportunità incredibile, cercherò di coglierla al meglio. Per noi, per me, per i ragazzi nuovi... è un banco di prova importante, conosciamo la Nazionale, è una occasione per farci vedere dal mister e dai compagni. Speriamo di sfruttarla, che sia la prima di tante. Ci hanno fatto cantare dei pezzi che abbiamo scelto prima, eravamo un po' tesi, è stato un po' imbarazzante all'inizio e poi ci siamo sciolti, è stato divertente, ho cantato 50 special di Cremonini".

C'è un episodio che ha fatto scattare la molla?
"Mi ricollego a quello che ha detto Cistana, è un lavoro che sto portando avanti già dall'anno scorso, devo molto a Mihajlovic. È una situazione particolare, anche per le vicende del mister a livello di salute, nelle ultime due settimane e mezzo non l'ho sentito per niente, sta affrontando un percorso di riabilitazione importante. Mi dispiace, avrei voluto consigli e una parola di sostegno. Appena tornerò a Bologna gli vorrò raccontare tutto quello che accade in questo momento".

Crede in una convocazione all'Europeo.
"Sarebbe ipocrita dire di no, poi credo che anche i compagni ci sperino. Non dev'essere una ossessione, ma ora che ci siamo possiamo affacciarci a questa realtà".

Cosa ha portato l'esperienza in categorie minori?
"Quando ho giocato in B avevo 19 anni, ero molto giovane, era un esordio per il calcio dei grandi. Sono sicuro e consapevole che una esperienza del genere possa aiutare tutti noi a crescere. Mi ricordo molto il Mondiale del 2006, un'emozione incredibile, ma come giocatore mi piaceva molto Bruno Conti, pur non vivendolo in prima persona".

In Serie A è difficile vedere nuovi giovani.
"Negli ultimi anni il calcio italiano è cambiato parecchio, prima si faceva fatica a far debuttare un giovane. Ora ci sono meno problemi. È un aspetto positivo, dopo le delusioni della mancata qualificazione Mondiale, c'è stato uno scossone che ha fatto riscoprire il valore dei giovani".

Cosa si aspettava dalla Nazionale?
"Questo è un gruppo straordinario, l'ho notato appena ho varcato i cancelli di Coverciano. Ti fanno sentire a tuo agio, personalmente all'inizio c'era timore non conoscendo tutti personalmente, ero titubante. Mi han fatto sentire parte integrante del gruppo. A livello di gioco penso sia una squadra che gioca molto bene, ha dei principi simili a quelli del Bologna, per me può essere un piccolo vantaggio. L'Europeo dell'anno scorso mi è servito per capire come si sta a livello internazionale, sebbene quell'esperienza non è andata come ci aspettavamo. Giocare in casa è una spinta in più, ma può essere un'arma a doppio taglio. Bisogna essere bravi a rimanere concentrati".

Finisce la conferenza stampa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

TMW - Genoa, traballa la panchina di Thiago Motta: la situazione Torna a traballare la panchina del Genoa. Questa volta a farne le spese è Thiago Motta. Le prossime due partite del Grifone, segnatamente il derby contro la Sampdoria e quella successiva contro l’Inter, saranno decisive per il futuro del tecnico. Tanto potrebbe dipendere anche dalla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510