Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
live

Luis Suarez saluta il Barça in lacrime: "Qua ho realizzato i miei sogni"

LIVE TMW - Luis Suarez saluta il Barça in lacrime: "Qua ho realizzato i miei sogni"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 24 settembre 2020 13:00Serie A
di Simone Bernabei

Luis Suarez dice addio al Barcellona. Nella tarda serata di ieri il club blaugrana e l'Atletico Madrid hanno annunciato il passaggio del Pistolero ai Colchoneros e oggi il giocatore dirà addio al mondo Barça con una conferenza stampa all'interno del Camp Nou. Possibile che durante l'evento il giocatore possa soffermarsi anche sulla spinosa vicenda riguardante l'indagine sul suo esame di italiano all'Università per Stranieri di Perugia. Appuntamento alle 12.30, su TMW potrai seguire in diretta tutte le dichiarazioni del giocatore.

Ore 12.30, inizia la conferenza stampa

Prende la parola il presidente Bartomeu: "E' un giorno speciale. Luis è una leggenda del nostro club, con 13 titoli e il traguardo di essere il terzo marcatore della storia del club. Lo ringraziamo infinitamente per ciò che ha dato. Luis ha scommesso con forza sul Barça e io voglio sottolineare ancora una volta il suo carattere e la sua qualità sul campo. A nome di tutti i tifosi del mondo ti dico grazie. Per te e per la tua famiglia il Barça sarà sempre casa. Spero possa avere la sua partita di addio al Camp Nou".

Ecco Suarez, emozionatissimo e con le lacrime agli occhi: "E' difficilissimo per me. Sarò sempre grato al club per come mi ha trattato. Lascio qua tanti amici... Ringrazio la mia famiglia che mi ha sempre supportato, se ne va un essere umano con sentimenti profondi. E' bello che i miei figli mi abbiano visto segnare tanti gol e vincere tanti trofei al fianco del migliore della storia. Questo mi resterà per sempre. Ringrazio i tifosi, lo staff... Avrete per sempre un tifoso in più, ovunque sarò".

Cosa mi resta dell'esperienza blaugrana? "Giocare qua è un sogno, un sogno che ho realizzato. Il giorno in cui sono arrivato non me lo sarei mai immaginato. Sono orgoglioso di ciò che ho fatto e soddisfatto per questi 6 anni spettacolari".

Qual è il miglior momento dei sei anni blaugrana? "Ho vissuto tanti momenti da ricordare, così come qualche momento brutto. Penso alla prima Liga, la Champions, ho giocato con giocatori meravigliosi che prima avevo visto solo alla Playstation. Il fatto che ci sia qua la mia famiglia insieme ai miei compagni è meraviglioso".

Se mi aspettavo un addio così? "No, ma ora mi sento solo orgoglioso dei miei 6 anni al club. Oramai ho accettato queste decisioni, ora cercherò di godermi al massimo la nuova avventura".

L'ultimo mese e il mio rapporto con Messi? "Sono state dette tante cose, alcune non vere. Io ho sempre cercato di restare in disparte. Messi? Tutti conoscono il rapporto che ho con Leo. Il tempo che abbiamo condiviso al Barça abbiamo sempre cercato di fare il meglio e di aiutare la squadra. E mi ripeto: sono orgoglioso di quanto fatto".

Come mi sento fisicamente? "Mi sento pronto per rendere ancora al massimo livello, ho tanta voglia di far bene. Me ne vado così come vedete, ora mi aspetta questa nuova tappa e voglio solo continuare ai livelli di questi anni".

Che sensazioni provo? "Me ne vado con la sensazione di aver rispettato le aspettative. Essere il terzo marcatore della storia non è un obiettivo semplice da raggiungere...".

Se mi aspettavo la chiamata di Koeman? "Quando mi ha chiamato Koeman già sapevo, mi era già stato comunicato l'addio. Poi avevo un contratto e quindi ho continuato ad allenarmi, in attesa della nuova sistemazione. Ho semplicemente accettato la decisione, anche se l'allenatore non contava più su di me".

Com'è nata l'idea Atletico Madrid? "Quando il Barça mi ha detto che non contava più su di me ho ricevuto molte chiamate. Ma io mi sentivo in grado di andare in una squadra che potesse competere al massimo livello. E così siamo arrivati ad un accordo con l'Atletico".

Se immagino il mio ritorno da avversario al Camp Nou? "Arrivo con voglia e ambizione, mi piace questa nuova sfida. Ognuno farà il massimo per difendere la propria squadra, sarà bello comunque".

Cosa penso del nuovo Barça? "Cambiano le dinamiche ogni anno a inizio stagione, quest'anno ci sono tanti giovani e la squadra ha molte più alternative. Mi aspetto un grande anno da parte del Barcellona".

Se ho rimpianti? "Io sono autocritico. Gli errori che abbiamo commesso in Champions li abbiamo visti tutti... Siamo professionisti, impariamo da tutte queste situazioni. Ma io non mi rimprovero niente".

Come ho vissuto l'addio al Barça? "Ognuno ha il proprio momento e quando il club ti dice che non fai più parte del progetto devi accettarlo. Ovviamente fa male, ma è calcio e devi accettarlo".

Perché l'Atletico? Ho parlato con gli uruguaiani? "Ho parlato con tanti, anche con Godin e Griezmann. Me ne vado in una squadra molto competitiva, una squadra che lotta per la Liga e in Champions. Una squadra ambiziosa, io cercherò di farla crescere per vincere altri trofei".

Mi ha chiamato il San Lorenzo? Cosa mi ha consigliato Messi? "Dal San Lorenzo non è arrivata una proposta... Leo sa cosa penso e io so cosa pensa lui".

Ho qualcosa da dire al club? "Oggi è il giorno del mio addio, voglio solo pensare a questo per rispetto dei gol segnati e di tutti i trofei vinti".

Chi ha preso la decisione di rinunciare a me? "Uno non sa mai quello che può succedere... Da tempo si parlava dei giocatori che potevano partire. Quando mi ha chiamato Koeman lo avevo già capito e lo avevo già accettato".

Cosa dico ai tifosi? "Sono grato per l'appoggio che mi hanno sempre dato. Per me sono stati fondamentali. So che tante gente è dispiaciuta per il modo in cui me ne sto andando, ma io non voglio togliere niente ai 6 anni che ho vissuto qua".

Ore 13.00, termina la conferenza stampa di Luis Suarez

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000