Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Napoli, dieci attaccanti in cerca di rilancio per rimpiazzare Milik

Napoli, dieci attaccanti in cerca di rilancio per rimpiazzare Milik
© foto di Federico De Luca
lunedì 10 ottobre 2016, 19:15Serie A
di Gaetano Mocciaro

Dieci nomi, dieci suggerimenti per il Napoli dopo la tegola Milik. Il grave infortunio arriva appena un mese e mezzo dopo la chiusura del mercato e in un periodo troppo lontano dalla riapertura delle trattative, lasciando i partenopei col solo Gabbiadini come punta. Le alternative non mancano, la confidenza con la rete o peggio ancora il campo meno.

Questo è quel che resta sul mercato degli svincolati:

PABLO DANIEL OSVALDO: è il pezzo più pregiato, per le qualità tecniche, l'età e la confidenza col gol. Peccato che tempo fa, dopo l'ennesima lite col club d'appartenenza (il Boca Juniors) il Johnny Depp del calcio abbia deciso di diventare una rockstar. Se vi va, cercate su Youtube il gruppo "La 25".

MIROSLAV KLOSE: una volta raggiunti tutti gli obiettivi possibili immaginabili il buon Miro a 38 anni ha deciso di non continuare l'avventura alla Lazio ma non di smettere col calcio. Per mesi si è parlato di MLS o al limite di un romantico ritorno al Kaiserslautern. Eppure neppure il club che l'ha lanciato da giovane, pur essendo al fondo della Zweite Bundesliga, l'ha riportato all'ovile.

DIMITAR BERBATOV: ultimi lampi di classe in Grecia, al Monaco la sua esperienza è stata utile al club del Principato. Unico problema: dopo il "pacco" di Lecce nel 2000 e quelli rifilati in contemporanea a Fiorentina e Juventus nel 2012 siamo sicuri di voler insistere ancora?

EMMANUEL ADEBAYOR: al colloquio col tecnico del Lione Bruno Genesio si è presentato allungando il caffè col whisky e fumando una sigaretta. Serve altro?

MAROUANE CHAMAKH: al Bordeaux era un signor centravanti. Peccato che parliamo di 6 anni fa. Nel frattempo ha avuto il tempo di essere eletto peggior centravanti della Premier League, non riuscendo a migliorare il suo status né all'Arsenal né al Crystal Palace.

FEDERICO MACHEDA: da "cocco" di Ferguson a ragazzo con la valigia. Dal flop alla Sampdoria nel 2010 non si è mai del tutto ripreso.

CIPRIAN MARICA: il suo nome è stato accostato non più tardi di un mese fa al Torino. Considerata l'età (31 anni) e la carriera internazionale (25 reti con la nazionale della Romania) potrebbe essere una buona riserva. Peccato che l'ultima stagione degna di nota risale a sette anni fa, 10 reti in 25 partite con lo Stoccarda. L'unica volta in cui è andato in doppia cifra.

KEVIN KURANYI: da anni in volontario pre-pensionamento, il buon Kevin proprio al massimo della sua carriera ha lasciato la Bundesliga per il vil danaro della Dinamo Mosca. Cinque anni senza infamia e senza lode per ripresentarsi in Germania con uno score alla Carsten Jancker: 0 reti in 14 partite con l'Hoffenheim, rischiando seriamente di retrocedere. Nel frattempo la Germania pur in crisi di centravanti ha vinto un Mondiale senza di lui.

FACUNDO PARRA: 15 reti spalmati negli ultimi tre anni fra Independiente, Asteras Tripolis e Atlerico Rafaela. I più attenti ricorderanno il suo flop a Bergamo. Ma una seconda possibilità non si nega a nessuno. Forse.

KALU UCHE: mettiamola così, uno che ha giocato in Nigeria, Spagna, Polonia, Francia, Svizzera, Turchia, Qatar e India non dovrebbe avere troppi problemi d'ambientamento. Ma se a 34 anni fai 3 reti nella seconda divisione spagnola...

Primo piano
TMW Radio Sport