VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Serie A

Nicchi attacca: "Se ci tolgono il 2% si rischia una nuova Calciopoli"

16.04.2018 10:15 di Pietro Lazzerini  Twitter:    articolo letto 18049 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Marcello Nicchi, presidente dell'AIA, ha parlato a Radio Anch'io Sport su Radio Rai Uno: "Mazzoleni impeccabile nel derby? Ieri è stato uno dei tanti. Nella giornata di ieri si è confermato che i nostri arbitri sono di grande valore e sono il fiore all'occhiello di una Federazione che non esiste e che è in grande difficoltà. Situazione gravissima per gli arbitri? La siutazione interna è drammatica. Non ci si rende conto dei pericoli per la classe arbitrale. Le cose si aggravano. Ci si preoccupa del nostro 2% per le elezioni in sede di Federazione e non dei problemi da risolvere, è una cosa incredibile e imbarazzante. Le minacce a Oliver? Nello sport si deve parlare di sport. Mi preoccupo di migliorare il livello degli arbitri italiani, ciò che accade all'estero non ci compete. La cosa drammatica è che noi siamo il fiore all'occhiello di una Federazione piena di problemi e si cerca di andare a toccare la nostra autonomia. La decisione del Coni va a toccare un diritto che abbiamo acquisito. E' contraria allo statuto del Coni e della FIGC. La presenza non è espressamente vietata anche se non espressamente prevista. Sono cose che vanno a turbare un mondo di grande privilegio e che arriva nel momento chiave di tutti i campionati. Sciopero? La cosa che sto facendo è cercare di evitarlo. Però se un giorno qualcuno arriverà al campo senza arbitri non dovrà rimanere sorpreso perché le sezioni non ce la fanno più. In Spagna, in Germania e in Inghilterra, gli arbitri fanno parte delle elezioni. Fa impressione che il Coni voglia andare contro a questo diritto per darlo ai professionisti. Perché oggi viene fuori questa storia? Perché vogliono indebolire il peso politico degli arbitri. Vogliono aprire nuovamente scenari nefasti, che potrebbe dare l'inizio a una nuova Calciopoli. Il 2% che abbiamo, inorgoglisce il nostro movimento e non influisce nelle decisioni globali. Non ci si preoccupa minimamente del problema dei rimborsi dei volontari. E' un'organizzazione che non funziona. Un ragazzo non può avere il rimborso dopo 7 mesi, perché sono soldi che anticipano i genitori. La violenza? Un ragazzo di 18 anni è stato picchiato da uno di 32 e nessuno dice una parola. Noi non vogliamo scioperare ma ci costringeranno perché i genitori non manderanno più i ragazzi ad arbitrare. 100 arbitri picchiati in un anno e qui ci si preoccupa del nostro 2% in sede di elezioni. Le famiglie non lo sopportano più, perché non si sostiene più questa situazione. Bilancio sproporzionato verso i professionisti della classe arbitrale? Io tutti i giorni sono in tutta Italia a seguire la base, non i grandi che non hanno bisogno di essere difesi. I vertici sono un punto di riferimento per la base, che noi dobbiamo proteggere. Una nuova Calciopoli? C'è qualcuno che vuole mettere le mani sugli arbitri. Il nostro 2% a chi gioverebbe? Solo la Serie A. Mettere le mani sugli arbitri significherebbe che ognuno direbbe la sua senza fare i conti con noi, che adesso siamo autonomi. Oggi gli arbitri sono garanzia per tutti, contrariamente a quanto successo in passato. Proteste della Juve a Madrid? Io devo essere rispettoso degli altri. La devono gestire gli organismi internazionali. Non mi permetto di dare giudizi sull'operato tecnico. Buffon è un grandissimo campione che si avvia a una grande carriera dirigenziale e quando siamo a certi livelli bisogna stare attenti a ciò che si dice, perché ci ascoltano i bambini e i ragazzi. Io avrei difeso l'arbitro fosse successo in Italia. Non può essere minacciato. Ci sono poi gli organismi preposti che devono giudicare i comportamenti di tutti gli atleti in campo. Se ci fosse un arbitro che dà fuori di testa all'improvviso, andrebbe sotto all'esame dell'AIA ma anche dell'organizzazione della Procura Federale. Agnelli contro Collina? Non mi posso permettere di intervenire nei confronti di un altro dirigente del calcio italiano. Perché l'arbitro non va a controllare sempre le azioni tramite il Var? Il designatore che amministra il Var ha già spiegato tutto. E' uno strumento da tutti accettato e da tutti voluto. Ci sono cose che non fanno parte della visibilità. L'arbitro scambia opinioni in modo silenzioso durante la partita, decine di volte. Il famoso silent check che permette all'arbitro di non andare sempre a vedere il video. Decide comunque sempre l'arbitro in campo e questo è un caposaldo. Quando ci sono dei dubbi devono andare al monitor, ma non lo possono fare ogni volta che c'è un episodio da rivedere. Agnelli non si ricorda dell'episodio di Muntari? Se all'epoca di Muntari ci fosse stato il Var, quell'errore non ci sarebbe stato. In Italia ci sono i migliori arbitri al mondo e siamo stati i primi a usare la tecnologia. Tutti gli altri ci stanno seguendo e non c'è nessuno che vuole l'interruzione dell'utilizzo del Var. I giocatori sono sereni, gli arbitri uguali e il pubblico accetta, anche con divertimento, la scelta finale. E' uno strumento che fa giustizia. Se avrei mandato un 33enne ad arbitrare Real Madrid-Juventus? Probabilmente sì se ci sono i segnali da una persona che dà grande affidamento. Chi fa il designatore segue l'arbitro giorno dopo giorno e per ognuno arriva il momento di fare un passo in avanti, come capita esattamente per i calciatori. Collina avrà fatto le proprie valutazioni ritenendo il ragazzo all'altezza. Lo sa lui se ha fatto bene o meno. La squadra si allena tutti i giorni. Come si migliora il Var? Con la conoscenza dello strumento tecnologico sempre più approfondita. Abbiamo una sala Var con simulatore a Coverciano per migliorare di giorno in giorno. Si migliora lavorandoci. Però dobbiamo essere più che soddisfatti, riconoscendo i pochi errori che sono evitabili ma considerando i risultai odierni, il prossimo anno sarà uno spasso. Gli errori saranno ridotti al lumicino. Perché gli arbitri devono votare per un candidato invece di astenersi? Io sono completamente in disaccordo con questa affermazione. L'arbitro deve votare perché è un diritto democratico. Non capisco perché debba essere un pericolo. Perché noi non dobbiamo votare un candidato che dà buone sensazioni nei nostri confronti? Perché non dobbiamo essere riconosciuti in tal senso? Dove sta scritto in democrazia che noi non dobbiamo utilizzare il nostro diritto di voto? E' incomprensibile".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 22 aprile UDINESE, ODDO VERSO L'ESONERO. CAGLIARI, SIRENE INGLESI PER BARELLA: CI PENSA IL LIVERPOOL. GENOA, BALLARDINI SUL RINNOVO: 'OGGI NON È IMPORTANTE". MILAN SU ASAMOAH DELLA JUVE, INTER TRANQUILLA E IN POLE - Dopo una serie di sconfitte l'Udinese ha deciso di cambiare allenatore. Massimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.