Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Nicchi: "Più rigori in Serie A che all'estero? Si vede che i giocatori stanno più attenti"

Nicchi: "Più rigori in Serie A che all'estero? Si vede che i giocatori stanno più attenti"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
domenica 12 luglio 2020 22:23Serie A
di Alessandra Stefanelli

Il presidente dell’AIA Marcello Nicchi è intervenuto ai microfoni di ’90 minuto’, in onda su Rai Due: “Juventus-Atalanta? È stata una partita godibile in cui c’è stato un arbitraggio all’altezza della situazione. Non è vero che in Italia c’è un regolamento e un’applicazione diversa. Voglio fare un applauso al mio ex collega Pieri che ogni volta che parla di spiegazione di regole dà una visione dal punto di vista della tecnica arbitrale. L’Italia non è un Paese a se stante a livello calcistico, per esempio il designatore Rizzoli ogni settimana sente i designatori delle principali leghe europee e fanno il punto sull’applicazione delle regole. Non è vero che in Italia si danno più rigori che all’estero. La Spagna, dall’ultimo confronto, ha gli stessi rigori dell’Italia. Bisogna incominciare a ragionare in modo diverso, può darsi che ci siano campionati dove i giocatori stanno più attenti, poi ogni partita ha una storia a sé”.

Sull’errore di Fabbri in Roma-Parma: “Ci siamo sentiti dire che gli arbitri andavano poco al VAR, poi hanno iniziato a dire che ci andavano troppo. Nel calcio sbagliano i calciatori e allo stesso modo sbagliano anche gli arbitri”.

Sul VAR: “Non voglio né potrà mai pensare che un arbitro di Serie A sbagli intenzionalmente. La cosa migliore da fare quando si sbaglia è riconoscerlo. Noi siamo in una fase di crescita in cui si stanno creando i professionisti del VAR e per fare questo serve un po’ di tempo. Io vedo grandi miglioramenti anche in questa stagione in cui, a causa della chiusura degli stadi, si vedono partite in ambienti un po’ surreali. Faremo un resoconto di quella che è stata la stagione per cercare di migliorare e cercheremo di tirare fuori un protocollo che non sia modificabile tutti gli anni, altrimenti si fa confusione. A quello si dovranno attenere tutti”.

Sul fallo di mano: “Un passo indietro non direi, semmai un passo in avanti per migliorare cose che potrebbero essere diverse. Sono ragionamenti che dovranno fare gli esperti, ma cambiare le regole anche in meglio ogni 15 giorni non è la cosa migliore da fare”.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000