HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Roma e Juventus ce la faranno a qualificarsi ai quarti di finale?
  Si, entrambe
  Solo la Roma
  Solo la Juventus
  No, nessuna delle due

La Giovane Italia
Serie A

Parma, D'Aversa: "Siamo soddisfatti. Non dobbiamo sentirci appagati"

10.11.2018 20:00 di Lorenzo Di Benedetto  Twitter:    articolo letto 1474 volte
© foto di Federico Gaetano

Conclusa la gara vinta contro il Torino per 1-2, Roberto D’Aversa, tecnico del Parma, ha incontrato i giornalisti nella sala stampa dello stadio “Olimpico-Grande Torino”. Ecco le sue parole: “Se devo trovare un difetto è il non aver concretizzato la mole di occasioni create, ma più che per demeriti del Torino la squadra è stata brava contro un avversario bravo ad aggredirti in avanti ma che ha più difficoltà a coprire lo spazio alle proprie spalle; dunque siamo stati molto bravi nella prima mezzora a costruirci le nostre occasioni con il primo fraseggio, sfruttando le capacità di giocatori come Gervinho e Biabiany. Il gol di Inglese arriva da una costruzione di gioco dal basso, di ottima qualità. L’unico rammarico è stato con tante occasioni create riaprire la partita da un gol su fallo laterale alla fine del primo tempo, ma torniamo a casa soddisfatti per aver vinto in uno stadio non facile, in un momento in cui il Torino era in una ottima condizione psico-fisica”.

“Quando iniziano a rientrare i giocatori hai la possibilità di far rientrare tutti gli altri, per la nostra squadra è importante avere un giocatore in gradi fare verticalizzazioni immediati, la qualità di Scozzarella ti permette di riguadagnare campo. Bastoni è un giocatore che avrei voluto utilizzare già prima ma veniva da un infortunio, negli allenamenti spinge molto e pur essendo un ’99 è uno che arriverà ad alti livelli. Biabany ha dimostrato di stare bene, il rientro poi di calciatori come Inglese e Grassi ti porta a fare quello step successivo per il salto di qualità. Un allenatore non si inventa mai niente, cerca sempre di vedere gli allenamenti e poi in base anche all’avversario sceglie l’undici ideale”.

“Il Parma migliore dell’anno? Ci sono state anche altre gare nelle quali abbiamo fatto bene, penso a Genova o in casa contro la Juventus; spesso i giudizi vengono dati in base al risultato, oggi abbiamo vinto e abbiamo fatto bene, ma quello che dobbiamo fare è analizzare sempre le gare con il massimo equilibrio a prescindere dal risultato. L’obiettivo? Siamo a 10 punti dalla terzultima. Mi fa molto piacere per il Presidente e per tutta la proprietà che mi ha sempre dimostrato vicinanza e passionalità, questa vittoria va dedicata a loro ma anche ai tifosi che ci hanno seguito oltre a quelli che non hanno avuto la possibilità di entrare allo stadio”.

“Quando porti a casa il risultato la squadra messa in campo è quella giusta così come giusti sono i cambi, a volte non porti a casa il risultato e accade il contrario. Quando dobbiamo contenere il risultato abbiamo dei subentranti adatti con le loro caratteristiche, ma non è semplice subentrare: oggi Ceravolo è entrato bene così come Deiola o Gazzola; quando si fanno dei cambi per cambiare il risultato, è più difficile. L’allenatore non regala e non nega niente a nessuno, tutto quello che uno si guadagna è perché lo dimostra in settimana, il lavoro paga sempre”.

“Cosa sta nascendo a Parma? La domanda andrebbe rigirata alla società, il percorso è iniziato ancora prima che arrivassi io. Dove siamo stati bravissimi a fare quel che nessuno ha mai fatto, dovremo esserlo anche nel cercare la ciliegina sulla torta, ovvero la salvezza che valorizzerebbe tutto quello che si è fatto in questi anni. Se si ripensa a quest’estate, fino a una settimana prima non sapevamo che campionato avremmo affrontato con le difficoltà nel costruire una squadra; quello che facciamo noi è lavorare quotidianamente. La nostra fortuna è che chi arriva qui, non solo quelli che sono al Parma da tanto tempo, ha un senso d’appartenenza trasmesso dalla società e da uno come Lucarelli. La bravura del club sta nello scegliere prima dei calciatori le persone, che è la cosa più importante per raggiungere qualunque obiettivo; non dobbiamo sentirci appagati e vivere questo sogno, la strada è ancora lunga, dobbiamo continuare a lavorare”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Rassegna stampa

Primo piano

LIVE TMW - Allegri: "Champions, buone possibilità. Pjanic in mano a Cristo" Massimiliano Allegri, dalla sala stampa dell'Allianz Stadium, parla in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Bologna "Innanzitutto vorrei fare le condoglianze alla famiglia Agnelli per la scomparsa di donna Marella. Detto questo tutte le circostanze sono diverse....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510