HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Napoli esonera Ancelotti e punta su Gattuso. Decisione giusta?
  Giusto cambiare, e Gattuso è la scelta giusta
  Giusto cambiarlo, ma Ancelotti non andava sostituito con Gattuso
  Sbagliata: bisognava andare avanti con Ancelotti

La Giovane Italia
Serie A

Perinetti: "Piatek un'intuizione di Preziosi, grande giocatore"

07.09.2018 16:02 di RMCSport Redazione  Twitter:    articolo letto 6510 volte
© foto di Chiara Biondini

Il direttore generale del Genoa Giorgio Perinetti è intervenuto su RMC Sport, nel corso della trasmissione Maracanà.

Centoventicinque anni di Genoa.
Il Genoa è nato oggi e con il Genoa è nato il calcio italiano. È un orgoglio ma anche una grande responsabilità, un onore ma anche un grande senso di rispetto e dovere nei confronti dei nostri tifosi che anche nei momenti tragici sanno rappresentare al meglio il senso di appartenenza a questo club.

Piatek?
Un’intuizione personale del presidente Preziosi che da dodici anni porta avanti il Genoa in Serie A e che ogni tanto fa lo scout. È stata una sua intuizione.

Meité?
Lo avevamo seguito, era uno dei giocatori ai quali avevamo messo l’attenzione massima. Il Torino è stato bravo a prenderlo e a inserirlo nella trattativa con Barreca. Ha delle qualità importanti, farà bene.

Che tipo di attaccante è Piatek?
Ha margini di miglioramento importanti, chiunque giocatore straniero va a migliorare quando arriva in Serie A. Migliorerà sicuramente perché ha voglia di apprendere e di migliorare. È formidabile in area di rigore, è il vero centravanti di altri tempi. Trova sempre la porta in ogni punto dell’area.

I giovani italiani?
Come ha detto Mancini giocano pochi giovani italiani in Serie A. Bisogna mettersi a ragionare per trovare soluzioni. Il vero problema è che nelle Primavere italiane giocano troppi giovani stranieri. I giovani pensano già troppo all’aspetto economico, i procuratori promuovono troppo l’aspetto economico. Le squadre devono migliorare la qualità del lavoro per questi giovani, gli allenatori sperimentano troppo se stessi invece di lavorare con i giovani. Dobbiamo sostenere di più gli allenatori delle giovanili, anche dal punto di vista economico. I nostri ragazzi poi qui in Italia lavorano due ore per quattro volte a settimana, in Europa invece i ragazzi giocano quasi il doppio.

La Juventus è imbattibile?
È difficilissimo arrivare ai livelli della Juventus. I bianconeri penso puntino più sulla Champions League e per questo si possono inserire le speranze delle altre squadre per il campionato. Difficile ma non impossibile. Speriamo di poter vedere un campionato interessante e combattuto.

Il regalo che vorreste fare ai tifosi?
L’impegno e la volontà di migliorarsi sempre di più. Dobbiamo onorare il senso di appartenenza di un club glorioso e che oggi festeggia centoventicinque anni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

TMW - Genoa, da Politano a Krmencik e Bozenik: le idee Genoa alla ricerca di un attaccante. Non solo Michael Krmencik del Viktoria Plzen. Il Grifone studia anche altre due alternative visionate anche recentemente. Si tratta di Robert Bozenik, classe 99 dello Zliina e di Adam Buksa, classe 96 del Pogon Szczecin. Si riaccende intanto qualche...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510