HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

La Giovane Italia
Serie A

Sassuolo, De Zerbi: "De Rossi? Alcune bandiere vanno rispettate"

18.05.2019 23:13 di Patrick Iannarelli   articolo letto 3000 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Roberto De Zerbi, tecnico del Sassuolo, è intervenuto al termine del match contro la Roma. Ecco le sue dichiarazioni: "Gli ultimi dieci minuti un po' per la loro fisicità un po' per gli obiettivi hanno alzato la pressione, loro si sono permessi di fare qualcosa di più. Però non credo abbiano fatto meno bene, forse nel secondo tempo c'è più rammarico. Qualche pallone nel finale abbiamo sbagliato qualcosa, tutti tiri in porta non fatti. Ma sono tutte occasioni da gol".

Guardando al futuro, dove deve crescere il Sassuolo?
"In quella cosa che dicevo prima, nella determinazione, nella cattiveria e nella lucidità, ma soprattutto negli ultimi 25 metri. Abbiamo fatto tanti gol, ma per il potenziale sono troppo pochi. C'è rammarico, dal mio punto di vista questa era una partita da vincere e in cui fare gol. È comunque importante non subire, è il quattordicesimo clean sheet in stagione, però qualcosa in più dobbiamo e vogliamo fare, il campo ha detto che potevamo fare qualcosa di più del decimo posto".

Nella tua filosofia c'è sempre la ricerca del gioco.
"Dipende anche dalla pressione della squadra avversaria. La Roma non fa una pressione forsennata, avevamo il due contro uno. Si sono verificate zone in cui eravamo in superiorità. Qualche volta potevamo sviluppare il gioco con più velocità ma nel complesso lo abbiamo fatto bene".

All'uscita dal campo ho visto un abbraccio con De Rossi.
"Lui mi ha fatto i complimenti, dicendomi di aver visto i miei giocatori divertirsi. Per me è il miglior complimento. Mi dispiace davvero per lui, io ho un De Rossi in squadra, ovvero Magnanelli. Conosco il suo valore. Alcuni giocatori sono diversi da altri, alcune bandiere vanno rispettate e devono decidere loro quando smettere".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

UFFICIALE: Marco Giampaolo è il nuovo allenatore del Milan AC Milan comunica che, a partire dal 1° luglio 2019, affiderà la conduzione tecnica della Prima Squadra a Marco Giampaolo, attraverso un contratto con il Club rossonero fino al 30 giugno 2021, con un'opzione per il rinnovo fino al 30 giugno 2022. Marco Giampaolo, nato a Bellinzona...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510