HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Corsa Scudetto: chi s'è rinforzato di più in difesa?
  L'Inter con l'esperienza di Diego Godin
  La Juventus con l'acquisto di De Ligt
  Il Napoli affiancando Manolas a Koulibaly

La Giovane Italia
Serie A

Suarez: "Dopo morso a Chiellini rifiutavo realtà. Aiutato da psicologi"

15.06.2019 15:53 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 21715 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

"Non accettavo la realtà, quando mia moglie mi chiedeva cosa era successo le dicevo che ci eravamo solo scontrati". A poche ore dall'esordio nella Copa América 2019 con l'Uruguay, Luis Suarez torna sul morso rifilato a Giorgio Chiellini nei Mondiali 2014. Intervistato da FOX, il pistolero racconta: "Mi sono rivolto agli psicologi e questo mi ha aiutato molto ad accettare gli errori e a crescere. Ho sofferto molto, sono stato davvero male, per mia moglie, per i miei figli, per i miei compagni. Fu inumano il modo in cui fui trattato. Avevo firmato col Barcellona e non ci fu nemmeno una presentazione. Pensavo che la mia carriera fosse alla fine, ma sono grato al Barça: quando mi chiamarono piansi tutto il giorno".

La stagione appena conclusa.
"Dopo l'eliminazione contro il Liverpool in Champions League volevo sparire dal mondo. Sono stati i giorni peggiori della mia vita e della mia carriera, insieme a quelli del Mondiale del 2014. Non volevo nemmeno portare i miei figli a scuola, perché tutti avrebbero visto che stavo male. Trascorrevo i giorni senza voglia di fare nulla"

Il rapporto con Messi.
"Io vedo che ogni giorno si dice che Messi non vuole questo, non vuole tecnico o altro. Non è così. Non dice nulla, invece. E credo che sia così anche nella Nazionale. Anzi, gli chiedevano delle cose e lui diceva: 'Non fatelo, accetto la vostra decisione'".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

...con Marino “Il Palermo? Quando ho firmato sapevo a cosa andavo incontro perché avevo letto delle condizioni economiche della società. Avevo detto che il campionato da vincere era l’iscrizione... da siciliano avevo accettato il Palermo, non potevo non accettare una piazza così importante”. Così...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510